Cronaca

Prosecco venduto come champagne: 9mila bottiglie sequestrate tra Puglia e Campania

Nell'ambito dell'indagine "Bad Drink", coordinata dalla Procura di Napoli Nord, la Guardia di finanza ha messo sotto sequestro 2800 litri di alcol, 9000 bottiglie di liquori e 900 bottiglie di olio extravergine di oliva

L'operazione "Bad Drink" della Guardia di finanza di Napoli

Prosecco di Conegliano venduto come champagne: gli ispettori dell’Unità investigativa centrale dell’Icqrf e i militari del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Napoli hanno dato esecuzione, nei giorni scorsi, a una serie di decreti di perquisizione emessi dalla Procura di Napoli Nord nell’ambito di un’articolata indagine chiamata "Bad Drink".

Al centro dell'inchiesta, non solo il falso champagne ma anche ingenti quantitativi di disinfettante ed alcool denaturato di origine estera che venivano utilizzati per la produzione di bevande alcoliche. Le perquisizioni svolte nella giornata di martedì 20 luglio hanno consentito di ricostruire in maniera ancora più dettagliata le attività realizzate dal sodalizio criminale. La polizia giudiziaria ha sequestrato circa 2800 litri di alcol, un ingente quantitativo di confezioni di champagne e vini, oltre 9mila bottiglie di liquori e 900 bottiglie di olio di semi di girasole, trattato con un colorante e venduto come olio extravergine di oliva. L'estensione delle perquisizioni a tipografie e depositi commerciali ha consentito di rinvenire e sottoporre a sequestro 300mila contrassegni di stato contraffatti. L'attività illegale ha permesso agli indagati di evadere il pagamento delle tasse. I truffatori compravano il Prosecco da aziende venete (all'oscuro di tutto) per poi travasarlo o cambiargli l'etichetta negli stabilimenti di Puglia e Campania.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prosecco venduto come champagne: 9mila bottiglie sequestrate tra Puglia e Campania

TrevisoToday è in caricamento