menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bimbo di un anno fugge alla mamma e cade dalle scale: è grave

L'episodio è avvenuto a Farra di Soligo giovedì pomeriggio. Le sue condizioni purtroppo hanno richiesto l'intervento dell'elisoccorso

FARRA DI SOLIGO - Dramma sfiorato giovedì pomeriggio in via Cao de Villa a Soligo. Un bambino di poco più di un anno è infatti precipitato dalle scale di casa dopo essersi allontanato dalla madre ed è stato ricoverato in ospedale in uno stato di media gravità.

Erano passate le 12 da poco infatti quando all'interno di una piccola abitazione si è quasi consumata una tragedia. T.D. infatti, come riportano i quotidiani locali, si sarebbe allontanato per pochi istanti dalle cure della madre e sarebbe ruzzolato dalle scale sbattendo più volte violentemente la testa, tanto da procurargli diverse escoriazioni e un forte trauma cranico. Sono stati però momenti di vero panico per la donna in quanto una volta raggiunto il piccolo si è accorta che non respirava più e non dava segni di vita. Le sue urla di disperazione hanno però immediatamente fatto precipitare in casa alcuni vicini e a quel punto è partita la chiamata al 118.

Una volta sul posto i medici del Suem 118 hanno subito stabilizzato il bimbo, che nel frattempo si era leggermente ripreso, ma le sue gravi condizioni non permettevano il trasporto sicuro in ambulanza, così è stato fatto decollare l'elisoccorso dall'ospedale Ca' Foncello di Treviso dove il bambino è stato poi ricoverato in prognosi riservata nel reparto di pediatria, anche se fortunatamente non in pericolo di vita. Sotto choc tutta la famiglia marocchina, molto integrata e conosciuta a Soligo, tanto che subito tutta la comunità si è stretta ai genitori del piccolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento