Giro di banconote false: arrestato anche un residente nel trevigiano

Sgominata la banda delle banconote contraffatte in una stamperia del Napoletano. La polizia arriva anche alla stazione ferroviaria di Mestre

TREVISO - Un giro di banconote false, partito da una stamperia di Afragola, nel Napoletano, ma i cui traffici si estendevano ben oltre i confini italiani. 13 gli arresti effettuati dalla squadra Mobile di Vercelli, uno anche a Mestre dove è finito in manette un marocchino residente a Treviso, nell'ambito dell'operazione denominata "Il colore dei soldi".

Le indagini erano scattate dopo alcune segnalazioni da parte di commercianti di Vercelli. Gli agenti hanno stretto le manette ai polsi di 13 persone. 17 i denunciati. Coinvolti nel giro, italiani, ma anche francesi, marocchini, romeni e giordani. La banda produceva pezzi da 50 e 100 euro: centomila euro il valore complessivo delle banconote poste sotto sequestro.

I falsari stampavano anche documenti falsificati, facendosi pagare dai 500 ai 100 euro per una carta d'identità, un permesso di soggiorno (450 le tessere bianche sequestrate che sarebbero state impiegate allo scopo), marche da bollo (295 sono state rinvenute già pronte). I pezzi avrebbero reso ai criminali circa 500mila euro. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una fabbrica della contraffazione, quella smascherata dal blitz della polizia vercellese. Oltre al denaro e ai documenti falsi, anche stampanti e macchinari impiegati per la produzione. Cinque arresti a Vercelli, 4 a Milano, 2 a Torino, 1 ad Afragola e, infine, uno anche alla stazione mestrina, dove a finire in manette è stato un cittadino di nazionalità marocchina. Un 32enne che aveva preso il treno a Napoli ed era sceso a Mestre: del resto la vicina Venezia avrebbe costituito un facile "sfogo" per quei 3.500 euro che l'uomo aveva acquistato ad Afragola. In tagli da 10, 20 e 50 euro. Il marocchino, residente a Treviso, è finito in manette dopo essere stato seguito dagli agenti della squadra mobile di Vercelli, che non l'hanno perso di vista fin dalla sua partenza dal capoluogo campano

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Smart contro un camion: muore 32enne, l'amica alla guida non aveva la patente

  • Azienda trevigiana investe 2mila euro a dipendente per corsi e viaggi all'estero

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento