rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Montebelluna

Barchessa di Villa Manin: al via il cantiere, iniziati i lavori per il restauro dell'edificio

Consegnato oggi il cantiere alla ditta Bordignon che eseguirà il restauro. Nel contempo, con l’avvio dei lavori, partirà anche una rivisitazione della fruizione del parco

MONTEBELLUNA E’ stato consegnato questa mattina il cantiere per l’intervento di Barchessa Manin. Il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero, ha consegnato questa mattina le chiavi del cantiere alla ditta che si è aggiudicata la gara per eseguire i lavori, l’impresa Costruzioni Bordignon S.r.l.,

Un intervento che, assieme a quello del restauro di Villa Pisani, rappresenta una delle azioni più importanti dell’amministrazione comunale nel suo piano di valorizzazione dei luoghi a valenza sociale e culturale del territorio montebellunese. L’intervento di restauro restituirà alla città di Montebelluna un edificio che sarà utilizzato per scopi sociali e culturali. Spiega il sindaco, Marzio Favero: “Dopo una riflessione con la Soprintendenza si è convenuto di conservare l'impianto dell'edificio articolato su due piani anche per consentire di avere due situazioni distinte anche se tra loro in dialogo. Il piano terra sarà destinato ad ospitare un esercizio pubblico che verrà selezionato con apposito bando e con ambienti dedicati a ristorante o birreria, mentre al primo piano troverà spazio un punto informativo-turistico per il territorio dedicato ai prodotti tipici e alla promozione degli itinerari che in questo momento l’IPA e il Consorzio del Bosco del Montello stanno elaborando, ed un salone per le attività culturali: un grande spazio espositivo utilizzabile anche per convegni ed incontri. Grazie ad un sistema a due ascensori, l'uno per il pubblico, l'altro per gli addetti ai lavori, il piano superiore potrà essere utilizzato anche per eventi enogastronomici. Peraltro il piano superiore sarà estremamemte arioso perché si andrà ad eliminare il controsoffitto per riportare in luce il tetto e le capriate che lo sostengono.

Nel contempo, con l’avvio del cantiere, partirà anche una riflessione interna per una rivisitazione della fruizione complessiva del parco Manin. A tal riguardo, va ricordata l’esperienza positiva compiuta da Polin questa estate con il cinema all’aperto e che ha goduto di un finanziamento europeo e della collaborazione del Comune. L’obiettivo è utilizzare la nuova struttura per attività convegnistiche o per iniziative all’aperto compresi dibattiti culturali e piccoli eventi musicali da integrare al cinema all’aperto. L'intervento costerà 1.900.000 euro finanziati per 1 milione di euro con contributo regionale a valere su fondi europei per lo sviluppo e la coesione. Per questo ringrazio i sindaci dell'Ipa che hanno sostenuto la candidatura di Montebelluna al finanziamento. La restante parte è stata finanziata per 195.000 euro con mutuo, per 362.526 euro con il trasferimento dell'immobile delle scuole di Santa Lucia e con 312.000 euro con risorse del bilancio comunale. E qui il ringraziamento di cuore va ai miei consiglieri che con grande coraggio hanno ritenuto di porre come priorità da un alto la messa in sicurezza delle scuole, e dall'altro lato il recupero del patrimonio storico architettonico di pregio appartenente dl Comune come è il caso della Barchessa Manin”. I lavori, dovranno essere completati entro la fine del 2018. Saranno riaperte le grandi arcate al piano terra in modo da avere un'ampia affaccio sul parco.

Verrà sostituito il solaio in laterocemento ed il primo piano sarà accessibile da una nuova scala in cemento armato, da un montapersone e da un ascensore e dotato di servizi adeguati in maniera da poter rendere la struttura utilizzabile anche in maniera parziale ed autonoma. Come previsto dagli interventi migliorativi proposti dall’impresa, saranno utilizzate finiture di maggior qualità e compiuto un lavoro più incisivo per quanto riguarda il consolidamento delle murature. Conclude il sindaco, Marzio Favero: “Con questa azione ed il prossimo sfondamento del passaggio tra piazza Petrarca e piazza Oberkochen trova compimento il disegno generale di riordino del centro di Montebelluna le cui dimensioni non sono più quelle del progetto di Dall'Armi, bensì di un ambito molto più grande che ricomprende, per l'appunto, Corte Maggiore e piazza Oberkochen ad ovest, ed il parco Manin con la Barchessa omonima ad est. Un centro, quello di Montebelluna, allargato e riqualificato, dimensionalmente tra i più significativi del Veneto ed in grado di proporsi come riferimento di tutto il comprensorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Barchessa di Villa Manin: al via il cantiere, iniziati i lavori per il restauro dell'edificio

TrevisoToday è in caricamento