menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Guardia di Finanza di Bassano in azione

La Guardia di Finanza di Bassano in azione

Evasione fiscale da 10 milioni di euro: confiscati ai Velo appartamento e una villetta

Il provvedimento, delegato dalla Procura della Repubblica di Treviso, giunge a conclusione del processo penale seguito alle indagini condotte dal Gruppo di Bassano del Grappa

I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Vicenza hanno eseguito la confisca di due unità immobiliari in provincia di Treviso del valore di circa 600mila euro. Il provvedimento, delegato dalla Procura della Repubblica di Treviso, giunge a conclusione del processo penale seguito a complesse indagini condotte dal Gruppo di Bassano del Grappa. La sua esecuzione, avvenuta nei giorni scorsi, ha permesso di sottoporre a confisca un appartamento e quota parte di una villa di pregio ubicati nel comune di Caerano di San Marco, riconducibili rispettivamente alla 45enne Loretta Velo e a suo padre Antonio Velo, 82enne, già amministratori di una s.p.a. di Altivole.

Le indagini di polizia economico-finanziaria condotte dai Finanzieri bassanesi, allora coordinati dalle Procure della Repubblica di Bassano del Grappa e Treviso, portarono alla luce un articolato sistema fraudolento imperniato sull’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti per un importo complessivo di circa 10 milioni. Coinvolte a vario titolo 35 imprese operanti tra le province di Vicenza, Treviso e Padova; furono eseguite 5 ordinanze che disponevano gli arresti domiciliari per altrettante persone, denunciate 28 persone e sottoposte a sequestro preventivo somme di denaro e immobili, tra cui quelli sottoposti a confisca, per un valore complessivo pari a circa 4,5 milioni.

I finanzieri portarono a galla un complesso meccanismo evasivo fondato sull’esistenza di diverse cartiere aventi il compito esclusivo di generare fraudolentemente e solo cartolarmente movimentazioni di beni e servizi emettendo fatture per operazioni inesistenti. Attraverso tale collaudato metodo la s.p.a. trevigiana, tra il 2009 e il 2010, aveva annotato fatture fittizie, emesse da cartiere riconducibili al bassanese G.S., per un importo complessivo pari a circa 5 milioni, con indebita detrazione di IVA per 850.000 euro. Per questo motivo gli amministratori della società di Altivole furono denunciati alla competente A.G. e condannati dal Tribunale di Treviso, nel marzo 2016, alla pena di 1 anno e 8 mesi di reclusione, con contestuale confisca degli immobili già sequestrati nel corso delle indagini preliminari. Nel maggio 2017 la Corte d’Appello di Venezia ridusse la pena a 1 anno e 6 mesi di reclusione, confermando la confisca dei beni.

La Corte di Cassazione, dichiarando inammissibili i ricorsi presentati dai due imputati, ha stabilito la definitività della sentenza d’appello, disponendone, di conseguenza, l’esecuzione. L’indagine delle Fiamme Gialle, portata aventi trasversalmente anche in campo amministrativo- tributario con il recupero a tassazione di ingenti costi non realmente sostenuti da parte della società, ha permesso di cautelare, alla luce della bontà dell’impianto accusatorio, mediante l’efficace strumento del sequestro preventivo, operato precedentemente, beni poi sottoposti a confisca obbligatoria, permettendo di tutelare, a beneficio dell’Erario, l’effettiva somma indebitamente detratta dalla società evasore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Tangenziale di Treviso: in arrivo due nuovi Targa System

Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento