menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mostra "Bellini e i belliniani": cinque opere restaurate dal Consorzio del prosecco docg

L'esposizione si terrà a Conegliano, a Palazzo Sarcinelli, dal 25 febbraio al 18 giugno 2017, ed è stata organizzata da Civita Tre Venezie. Dopo la mostra i dipinti saranno nuovamente esposti al pubblico presso l’Accademia dei Concordi

PIEVE DI SOLIGO Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg, in occasione della mostra Bellini e i belliniani, dall’Accademia dei Concordi di Rovigo, che si terrà a Conegliano, Palazzo Sarcinelli, dal 25 febbraio al 18 giugno 2017, ha collaborato con Civita Tre Venezie, organizzatore della mostra, nell’ambito del restauro di cinque opere esposte al pubblico: Orazione nell’orto, olio su tela di Francesco Morone; Suonatrici di liuto, olio su tavola, di Bartolomeo Veneto; Adamo ed Eva, olio su tavola di Albrecht Dürer; Apollo e Dafne, olio su tavola, Pittore Veneto; Ritratto virile, olio su tela, modi di Palma il Vecchio. Grazie al sostegno del Consorzio le opere, terminata la mostra di Palazzo Sarcinelli a Conegliano, saranno nuovamente esposte al pubblico presso l’Accademia dei Concordi.

Il Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg conferma ancora una volta il proprio interesse per il mondo dell’arte e muove un passo importante verso il supporto concreto alla conservazione e valorizzazione del patrimonio artistico italiano. Per questa mostra infatti non ci si è limitati a finanziare l’evento ma si è intervenuti in modo permanente su opere che finalmente potranno lasciare il deposito dipinti dell’Accademia dei Concordi di Rovigo. L’intervento di restauro avvenuto grazie al sostegno del Consorzio è stato fondamentale per riportare allo stato originale i dettagli che restituiranno allo sguardo la nitidezza e la resa complessiva delle opere.

La mostra Bellini e belliniani, dall’Accademia dei Concorsi di Rovigo prosegue il lavoro di ricerca sulla pittura veneziana e veneta negli anni a cavallo del Quattrocento e Cinquecento. Negli anni scorsi, sempre a Conegliano erano state organizzate le mostre: un Cinquecento inquieto, nel 2014; Carpaccio, Vittore e Benedetto nel 2015; I Vivarini nel 2016.

Questa collaborazione del Consorzio con Civita Tre Venezie è coerente con l’impegno costante dimostrato sino ad ora a favore del patrimonio artistico italiano e della valorizzazione del proprio territorio, come testimonia la candidatura a Patrimonio dell’Umanità UNESCO del sito delle Colline del Conegliano Valdobbiadene, situate nel nordest d’Italia, a 50 km da Venezia e a 100 dalle Dolomiti. Il territorio del Conegliano Valdobbiadene è la culla naturale dell’arte italiana di fare spumante, dove da secoli si produce, grazie alla viticoltura fatta a mano lungo pendii ripidissimi, il Prosecco Superiore DOCG, un vino spumante ricco di profumi fruttati e di fiori freschi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento