Cronaca

Infastidivano i clienti dei supermercati: scatta il foglio di via dalla Questura

Il provvedimento della Questura di Belluno nei confronti di due cittadini extracomunitari, un nigeriano di 23 anni residente a Montebelluna e un connazionale di 30 anni residente a Padova

BELLUNO Rafforzata l’attività di controllo del territorio di Belluno della Polizia di Stato mirata all’identificazione di soggetti sospetti. Tre nuovi provvedimenti preventivi sono stati adottati dal Questore a carico di  persone ritenute pericolose per la sicurezza pubblica, dedite all’accattonaggio molesto nei confronti dei cittadini e alla truffa in danno di anziani.

Due Fogli di Via Obbligatori con divieto di ritorno nel Comune di Belluno, per un periodo di tre anni, sono stati erogati a carico di due cittadini extracomunitari, V.C. nigeriano di 23 anni residente a Montebelluna e C.C. nigeriano di 30 anni residente a Padova, segnalati al 113 dal direttore di un supermercato che aveva raccolto, fin dai giorni scorsi, le numerose e continue lamentele dei clienti che venivano intercettati e bloccati a ridosso dell’ingresso principale dell’esercizio commerciale con modi petulanti, vessatori e molesti, tanto da vedersi quasi costretti a elargire un’offerta in denaro pur di liberarsi di loro.

Un terzo analogo provvedimento è stato emesso a carico di un cittadino italiano responsabile di aver truffato un anziano effettuando dei lavori di manutenzione sull’impianto del gas metano, spacciandosi per un incaricato dell’A.T.E.R. che non li aveva mai commissionati. Un’altra coppia di anziani, oggetto di un simile tentativo di truffa, insospettita, ha segnalato il giovane al 113: la Volante intervenuta sul posto, accertati i fatti, ha così provveduto ad accompagnare in Questura il soggetto, Z.M. italiano di 26 anni residente in provincia di Brescia, che è stato anche denunciato all’A.G. in stato di libertà.   

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infastidivano i clienti dei supermercati: scatta il foglio di via dalla Questura

TrevisoToday è in caricamento