Lutto a Conegliano, bimbo di cinque anni stroncato da un aneurisma

Sebastiano Grava era stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso ma è entrato in coma: inutile una delicata operazione chirurgica a cui è stato sottoposto

CONEGLIANO Prima un fortissimo mal di testa, dopo cena, poi il trasporto al pronto soccorso dell'ospedale di Conegliano dove è entrato in coma, il trasferimento al Ca' Foncello di Treviso e infine la morte, provocata da una emorragia cerebrale. Questa la tragica fine di un bimbo coneglianese di appena cinque anni, Sebastiano Grava. Il piccolo lascia il papà Riccardo, la madre Stefania ed un fratellino di 9 anni, Edoardo.

Il dramma si è compiuto la scorsa settimana, nella notte tra giovedì e venerdì. Sebastiano frequentava la scuola dell'infanzia della Nostra Famiglia: la mamma, dopo la scuola, lo aveva accompagnato al corso di nuoto, alla piscina Ranazzurra. Sembrava una giornata come tutte le altre.

Il bimbo, dopo cena, era andato a letto ma si era poi risvegliato con una forte cefalea: la madre l'ha immediatamente trasportato al pronto soccorso e quindi nel reparto di pediatria per una visita di controllo: gli esami hanno rivelato la presenza di una vasta emorragia cerebrale. Sebastiano ha perso conoscenza, è entrato in coma ed è stato rianimato prima di essere trasportato al Ca' Foncello di Treviso per un'operazione urgente. Purtroppo per il piccolo non c'è stato nulla da fare. L'ultimo saluto venerdì pomeriggio o sabato mattina nella chiesa parrocchiale di San Martino a Conegliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

  • Incidente mortale in Treviso Mare: motociclista muore a 61 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento