menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto del blitz

Una foto del blitz

Blitz animalista a Caerano, proteste contro una gattara

Nella notte tra martedì e mercoledì i militanti di "100% animalisti" hanno appeso uno striscione contro il sindaco e la nota gattara locale

CAERANO SAN MARCO Blitz animalista nella notte tra martedì e mercoledì a Caerano San Marco. Il collettivo di "100% animalisti" ha infatti affisso nei pressi del Municipio uno striscione recante la scritta "Sindaco Chiara Mazzoccato: i micioni in casa della Giannina stanno morendo". Il fatto contestato dai militanti è quello della "gattara" locale, rea di prendere constantemente gattini in adozione per poi tenerli però al buio e nella sporcizia.

"A Caerano San Marco da tempo una signora continua a richiedere e prendere gatti in adozione. Cosa c’è di strano? Questi gatti, una volta adottati, vengono rinchiusi in casa al buio! Appena scoperta l’atroce realtà (la donna non si faceva mai trovare in casa per i controlli post-affido, n.d.r.), alcune gattare di zona hanno indagato scoprendo che questa persona in apparenza normale e gentile, ha dei seri problemi ed è seguita dagli assistenti sociali. Successivamente la voce si è sparsa e nessun gatto le è stato più affidato. Purtroppo però la signora cambia di continuo il numero di cellulare e il suo nome reale negli annunci di richiesta e risposta per adozione di mici". Per risolvere la questione si sono comunque mosse parecchie gattare della zona e alcune associazioni animaliste, è stato anche chiesto l’intervento dei vigili urbani, ma la questione ad oggi non è stata risolta. Le amanti dei gatti di conseguenza sono preoccupatissime per la sorte dei micioni che sono tuttora rinchiusi nella casa della signora Giannina. Il sindaco del paese Chiara Mazzocato, da quanto riferisce il collettivo, in un primo momento si era impegnata con le gattare a risolvere il problema, ma appurato lo stato della signora ha bloccato ogni iniziativa contro di lei.

"Comprendiamo benissimo che la signora ha dei seri problemi e la faccenda è complicata, ma l’odore che esce da quella casa è tremendo, le mosche si moltiplicano di giorno in giorno e la paura per la sorte dei micioni aumenta. Per questo nella notte tra il 4 e 5 agosto, noi militanti di Centopercentoanimalisti abbiamo affisso alcuni manifesti diretti al sindaco nei pressi del municipio di Caerano San Marco per ricordare che la nostra tolleranza, e non solo la nostra, è terminata. Il sindaco Chiara Mazzocato risolva il problema della signora Giannina in fretta, in caso contrario, inizieranno azioni e presidi più determinati da parte nostra".  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento