rotate-mobile
Cronaca Pieve di Soligo / Via Papa Luciani

Bocconi avvelenati tra Pieve di Soligo e Refrontolo: segnalazione in Procura

Da inizio anno sono morti tre cani, una volpe e una faina. Sul posto i carabinieri e i tecnici dell'Ulss 2, avviso congiunto dalle amministrazioni comunali ai cittadini: «Pericolo anche per i bambini piccoli»

Allarme bocconi avvelenati tra Pieve di Soligo e Refrontolo: in pochi giorni, dall'inizio del 2022, hanno perso la vita già tre cani, una volpe e una faina, avvelenati da delle "trappole" nascoste in mezzo al terreno.

Come riportato da Qdpnews.it, il primo caso risale a domenica 2 gennaio, nella zona di via Papa Luciani a Pieve di Soligo. A perdere la vita la cagnolina Emy, di soli 4 anni e mezzo. Quattro giorni più tardi, nel pomeriggio di giovedì 6 gennaio, la stessa sorte era capitata alla cagnolina Lea, un meticcio di 12 anni. Anche lei aveva ingoiato un boccone sospetto nella zona tra borgo Stolfi e via Papa Luciani. A Refrontolo scena simile nei giorni scorsi tra via Patrioti e Molino Crevada. A perdere la vita in questo caso sono stati: un cane, una volpe e una faina. Il Comune ha messo a disposizione delle forze dell'ordine le immagini delle videocamere della zona. Sul posto anche i tecnici inviati dall'Ulss 2. Le amministrazioni di Pieve e Refrontolo hanno provveduto ad informare i cittadini con un avviso congiunto, invitando alla massima attenzione non solo per la salute dei propri animali domestici ma anche per le famiglie con bambini piccoli che rischiano inavvertitamente di ingoiare i bocconi avvelenati. La polizia locale, infine, ha annunciato che la situazione verrà segnalata alla Procura della Repubblica nelle prossime ore: si tratta di un reato penale che mette a rischio l'incolumità pubblica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bocconi avvelenati tra Pieve di Soligo e Refrontolo: segnalazione in Procura

TrevisoToday è in caricamento