Bollicine, giovani soci e convivialità in banca

Una serata dedicata al mondo del Prosecco, alla sua storia e al suo prodotto, promossa dal Gruppo Giovani Soci di Banca di Monastier e del Sile, si è tenuta giovedì 2 marzo presso l'ex abbazia benedettina di Santa Maria del Pero.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Prosecco, giovani soci e convivialità. Giovedì 2 marzo presso gli spazi dell'ex abbazia benedettina di Santa Maria del Pero di Monastier, ospiti del conte Guiberto Ninni Riva, il Gruppo Giovani Soci di Banca di Monastier e del Sile ha organizzato "Calici in BCC": una serata interamente dedicata al mondo del Prosecco, alla sua storia, al suo prodotto, alla sua valorizzazione. Erano presenti 6 cantine locali, socie della BCC, che hanno fatto degustare i loro vini: la cooperativa Vi.V.O. Cantine di Campodipietra, Castello di Roncade, Mercante Fratelli di Rustignè di Oderzo, la cooperativa Opitergium di Oderzo, Cantina Progettidivini di Farra di Soligo, la cooperativa pontepiavense Viticoltori Ponte. Renzo Canal ed Arturo Miotto, presidente e direttore della Banca di Monastier e del Sile, hanno accolto i partecipanti ricordando come il vino sia "sinonimo di incontro, allegria, della gioia di stare insieme. In particolare il Prosecco, distintivo delle nostre zone, sa essere attrazione turistica e promozione del territorio trevigiano all'estero, un vino apprezzato specialmente per la sua versatilità e piacevolezza, ma anche per lo spirito di informalità". Marianna Mazzon, rappresentante del Gruppo Giovani Soci di Banca di Monastier e del Sile, che dal 2014 riunisce i soci under 35 della banca, era soddisfatta della risposta - un centinaio i giovani presenti alla serata in abbazia - e della partnership creata per l'occasione con il Consorzio di Tutela Prosecco DOC e l'AIS associazione italiana Sommelier Veneto. "Il prossimo anno vorremmo riproporre un'iniziativa simile, in preparazione alla visita al Vinitaly 2018. Abbiamo visto infatti che le attività preferite dai giovani, fra quelle da noi proposte, sono visite guidate a mostre d'arte, eventi culturali oppure occasioni conviviali e di incontro". Per il Consorzio del Prosecco DOC è intervenuto il direttore Luca Giavi, che ha raccontato della costituzione della DOC Prosecco nel 2009, che oggi interessa 9 province tra Veneto e Friuli; per AIS era presente Wladimiro Gobbo, delegato di AIS Treviso, che ha illustrato i corsi per sommelier organizzati dall'associazione in tutto il Veneto.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento