Bomba contro il Pam, arrestato l'autore: è un 56enne

Gli agenti della squadra mobile con la Digos della Questura, il nucleo investigativo e i carabinieri di Treviso hanno fermato Enrico Sorarù, 56 anni bellunese senza fissa dimora

Conferenza stampa delle forze dell'ordine (Riproduzione riservata)

Le indagini di squadra mobile e nucleo investigativo dei carabinieri di Treviso, coordinati dal pubblico ministero Massimo De Bortoli, hanno identificato nell'arco di pochi giorni l'autore della bomba esplosa nella serata di domenica scorsa, 8 novembre, di fronte al supermercato "Pam" di via Zorzetto. Venerdì sera, 13 novembre, l'attentatore è stato arrestato.

WhatsApp Image 2020-11-14 at 10.50.08-2

L'attentore è Enrico Sorarù, 56 anni bellunese senza fissa dimora, uscito di prigione a settembre dopo un primo arresto per furto. Contro di lui sono state formulate le accuse di porto di ordigno esplosivo, danneggiamento aggravato, e ipotesi di strage. A spingere l'attentatore ad agire non sarebbero stati fini politici ma uno spirito di vendetta proprio nei confronti della direzione del market che l'aveva denunciato per alcuni furti commessi proprio ai danni del supermercato trevigiano. L'attentatore si nascondeva a Nervesa della Battaglia nel garage di un amico. I furti al Pam risalgono ad un periodo compreso tra il 2017 e il 2018. Per questi e altri reati contro il patrimonio, Sorarù aveva scontato una condanna ad un anno e nove mesi di carcere. Prima dell'attentato aveva avuto violenti diverbi e discussioni con il direttore del supermercato. 

WhatsApp Image 2020-11-14 at 14.05.27-2

Il timore delle forze dell'ordine era che l'uomo potesse fuggire da alcuni suoi parenti residenti all'estero prima della conclusione delle indagini. Ha legami sia con l'Inghilterra che con la Germania. Sul suo profilo Facebook la città che ha indicato come residenza è Stoccarda. L'ordigno esploso davanti al Pam, non era di tipo artigianale ma resta ancora da chiarire se sia stato Sorarù a fabbricare la bomba. L'uomo è stato identificato grazie alle immagini di sei-sette videocamere di sorveglianza: il giorno dell'attentato Sorarù è arrivato con il suo furgone a Treviso e ha raggiunto il Pam da Vicolo Pescatori. Il lavoro coordinato di Polizia e Carabinieri ha facilitato le indagini per analizzare il percorso compiuto dall'attentatore. Nei prossimi giorni verranno fatti nuovi accertamenti per capire soprattutto l'esatta provenienza 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento