rotate-mobile
Lunedì, 26 Settembre 2022
Cronaca

Bonus edilizi, esposto dei clienti trevigiani contro l'Agm

Il 12 agosto è attesa la pronuncia dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che deve decidere sulla pubblicità dell'azienda di Mogliano Veneto, che prometteva di occuparsi delle ristrutturazioni ma poi non avrebbe aperto i cantieri

Dopo il consorzio Sgai, che sarebbe protagonista di una vera e propria mega truffa approdata in  300 denuncie solo in provincia di Treviso, è scoppiato il caso dell'Agm Group, general contractor trevigiano (la sede è a Mogliano) che avrebbe coinvolto almeno duemila e cinquecento clienti sparsi nell'area compresa fra la Lombardia e il Friuli Venezia Giulia, con la promessa di occuparsi delle ristrutturazioni ma poi non avrebbe aperto i cantieri.

Nella Marca i clienti della Agm sarebbero oltre un centinaio e la gran parte di loro hanno presentato un esposto, patrocinati dall'avvocato Alessia Favaro, davanti all'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato lamentando una prassi che avrebbe portato la società a fare della pubblicità ingannevole. La pronuncia è attesa intorno al 12 di agosto.

LAgm avrebbe operato attraverso consulenti che agganciavano i "clienti" e promettevano loro tutto e il suo contrario: dagli impianti fotovoltaici alle caldaie a condensazione, dal rifacimento delle facciate dell'abitazione all'efficientazione energetica, fino ad arrivare (sfruttando ogni tipo di bonus a disposizione) agli interventi per la stabilità strutturale. Unica condizione il versamento di una cifra - oscillante fra i settecentocinquanta e i mille euro, depositata come forma di cauzione per entrare nel magico mando dei lavori “a gratis” e fare gli interventi prodromici - che poi sarebbe stata restituita in toto. Ma del denaro e soprattutto dei lavori, con contratti firmati anche un anno fa, non c'è neppure l'ombra. Di certo c'è solo quanto avrebbe guadagnato l'Agm, un incasso che si aggirerebbe tra i 2 milioni e mezzo e i tre milioni di euro.

L'Agm precisa però che i fatti, così come sopra descritti, sono totalmente difformi dalla realtà storica poiché la società a fronte del ricevimento del pagamento di cui sopra (pagamento che segue una lettera di incarico del cliente ove è chiaramente informato del motivo del pagamento!) esegue un sopralluogo con un tecnico abilitato e poi stende e consegna una perizia tecnica afferente uno studio di fattibilità dei lavori e prodromico all'avvio eventuale dei lavori. Le somme incassate, di cui viene emessa fattura, sono funzionali all'attività di cui al periodo che precede e non formano certo un "tesoretto"! Si aggiunga che sono stati avviati, altresì, dei cantieri da parte della Società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus edilizi, esposto dei clienti trevigiani contro l'Agm

TrevisoToday è in caricamento