rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca Ponte di Piave / Fiume Piave

Pescatori di frodo sul Piave: sequestrata una rete da pesca

I volontari della Fipsas sono intervenuti a Negrisia, salvando decine di pesci rimasti intrappolati in una rete posizionata dai bracconieri. Presentata denuncia ai carabinieri, responsabili ancora a piede libero

Dieci cavedani (alcuni dei quali dal peso di oltre tre chili), una decina di scardole e altri pesci di piccola taglia sono stati salvati, domenica 19 settembre, dai volontari della Fipsas dopo essere rimasti intrappolati in una rete posizionata dai bracconieri nelle acque del Piave a Negrisia, frazione di Ponte di Piave.

Come riportato da "Il Gazzettino di Treviso", la trappola dei bracconieri è stata scoperta domenica verso le 7.30 di mattina. I volontari Fipsas hanno atteso per gran parte della mattinata l'arrivo dei pescatori di frodo per coglierli sul fatto ma i responsabili non si sono presentati e così i volontari hanno liberato i pesci rimasti incastrati e sequestrato la rete posizionata in acqua. L'episodio è stato denunciato ai carabinieri del nucleo forestale. Non è la prima volta che espisodi simili si verificano nella zona di Negrisia dove già in passato erano arrivate segnalazioni di bracconieri in azione lungo le rive del Piave. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescatori di frodo sul Piave: sequestrata una rete da pesca

TrevisoToday è in caricamento