rotate-mobile
Cronaca Caerano di San Marco

Picchia la moglie fino a farla svenire, 40enne condannato

La vicenda si era svolta a Caerano San Marco. Era stato il figlio più grande della coppia, di soli 10 anni, a chiamare al telefono i carabinieri chiedendo aiuto. L'uomo, accusato di maltrattamenti e lesioni, ha ricevuto una sentenza di 3 anni e 6 mesi, oltre al pagamento di 25 mila euro

Condannato a 3 anni e 6 mesi (la Procura aveva chiesto 4 anni e 9 mesi), oltre al pagamento di 10 mila euro in favore della moglie e 5 mila euro che andranno a ciascuno dei tre figli. E' questa la condanna che è stata inflitta, in primo grado, ad un uomo di 40 anni, residente a Caerano, finito a processo con l'accusa di maltrattamenti familiari e lesioni personali aggravate.

«Venite, fate presto, il papà ha fatto del male alla mamma. Venite subito, ho paura». Le parole sono quelle del figlio più grande della coppia che aveva chiamato al telefono i carabinieri nel bel mezzo di una violenta discussione fra i coniugi, conclusasi con la donna che, colpita al volto con un pugno, era svenuta e terminata a terra. Secondo alcune testimonianze la vicenda sarebbe andata avanti da anni ma avrebbe scritto il suo capitolo conclusivo il 28 luglio del 2020 con l'intervento presso la casa familiare delle forze dell'ordine.

La drammatica chiamata, registrata dai militari dell'Arma, era stata fatta sentire in aula. Il giovanissimo, con la voce rotta dal pianto e in preda ad una crisi di panico, aveva avvertito i carabinieri di quello che sta succedendo a casa sua. Subito vengono inviate due "gazzelle", oltre ad un automedica del Suem, che intervengono sul posto. L'uomo verrà poi arrestato e adesso si trova sottoposto alla misura cautelare del diviete di avvicinamento alla parte offesa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia la moglie fino a farla svenire, 40enne condannato

TrevisoToday è in caricamento