Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Sequestro di 3 milioni di calzini: il giudice annulla e restituisce

La finanza una settimana fa aveva sequestrato la merce a un'azienda di Montebelluna. Ma secondo la magistratura era tutto nella norma

MONTEBELLUNA Solo pochi giorni fa la guardia di finanza aveva sequestrato tre milioni di paia di calzini a Montebelluna, all’interno di un’azienda, in quanto gli investigatori ritenevano che la merce, apparentemente made in Italy, fosse stata prodotta tra l’Asia e l’Europa dell’est. Ma il gip di Treviso Angelo Mascolo, fatte le verifiche del caso, venerdì ha deciso di archiviare il procedimento penale.

Secondo la magistratura, infatti, l’indicazione del paese di provenienza dei calzini era riportato correttamente sulle etichette e la presenza della bandiera italiana su queste ultime, associata alle parole «Designed» e «style», non avrebbe potuto ingannare il cliente, «a compresenza di ulteriori elementi informativi che, in una composizione grafica equilibrata, consentono di ricondurre la riferibilità della striscia tricolore non alla origine di produzione ma allo stile o design del prodotto».
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestro di 3 milioni di calzini: il giudice annulla e restituisce

TrevisoToday è in caricamento