rotate-mobile
Cronaca

Bollettini-truffa alle imprese: allarme della Camera di Commercio

L'appello: "Fate attenzione a bollettini di pagamento, pubblicità ingannevoli e telefonate sospette. Si tratta spesso di contatti estranei all'attività dell'Ente camerale"

TREVISO La Camera di Commercio Delta Lagunare e la Camera di Commercio di Treviso-Belluno a seguito dell’aumento dei casi di truffa segnalati dalle imprese, invita tutte le aziende delle province di Venezia e Rovigo e di Treviso e Belluno a fare attenzione a bollettini di pagamento, pubblicità ingannevoli e telefonate sospette che utilizzano denominazioni facilmente confondibili con quelle della Camera di Commercio.

Gli Uffici Relazioni con il pubblico chiariscono che la CCIAA Delta Lagunare e la Camera di Commercio di Treviso – Belluno non inviano mai bollettini di pagamento alle imprese e in alcun modo promuovono attività e servizi di natura commerciale, ma operano normalmente attraverso i propri uffici che, in quanto tali, procedono con tutte le cautele di legge.

Si tratta spesso di contatti e proposte pubblicitarie estranee agli Enti camerali, oppure di bollettini di conto corrente con diciture ingannevoli, che possono far pensare ad un pagamento obbligatorio richiesto dalla CCIAA come registrazioni in elenchi o pagamento di presunte "tasse di registrazione" ai titolari di brevetti e marchi; o il versamento di importi per l’inserimento nel Registro Telematico Imprese.

La Camera di Commercio Delta Lagunare e la Camera di Commercio di Treviso – Belluno invitano le imprese a verificare attentamente le clausole contrattuali proposte prima di effettuare qualsiasi pagamento e a segnalare e denunciare i casi di telefonate o bollettini sospetti, contattando direttamente gli uffici relazioni con il Pubblico della CCIAA ai seguenti contatti: tel. 041 2576673 e-mail: urp@dl.camcom.it  | Ufficio Relazioni con il Pubblico Treviso - Belluno (U.R.P.), tel. 0422 595216-316  e-mail: urp@tb.camcom.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bollettini-truffa alle imprese: allarme della Camera di Commercio

TrevisoToday è in caricamento