Cronaca Casale sul Sile

La "ex" come garante di un prestito ma lei è all'oscuro di tutto, 51enne finisce davanti al giudice

La vicenda risalirebbe al novembre del 2018 quando l'uomo, residente a Peseggia in provincia di Venezia, ha falsificato le carte presentate alla banca per avere 30 mila euro. La donna è venuta a sapere della truffa solo quando l'istituto di credito le ha chiesto i soldi del finanziamento perché le rate non erano state pagate

Un prestito personale di 30 mila euro di cui avrebbe fatto da garante senza saperne nulla. Salvo poi venire "escussa" dalla banca, che reclamava il denaro delle rate del finanziamento che il debitore principale non aveva saldato. E' questa la brutta avventura capitata ad una 41enne, raggirata dal compagno, un uomo di 51 anni residente a Peseggia, nel Veneziano. Soltanto quando l'istituto di credito ha avviato la procedura di esecuzione forzata nei suoi confronti la donna, che aveva avuto un relazione con il veneziano terminata con una denuncia per stalking che aveva portato l'uomo a processo e ad una condanna in primo grado a 1 anni e 6 mesi, ha saputo della truffa dell'ex compagno.

I fatti sono avvenuti a Casale sul Sile nel novembre del 2018. Il 51enne si sarebbe presentato allo sportello di un istituto di credito locale munito di copia dei documenti personali della "vittima", oltre che della dichiarazione con la quale la 41enne si sarebbe impegnata a fargli da garante per un prestito personale di circa 30 mila euro. Sembrava tutto in regola salvo che le rate del finanziamento non furono pagate dall'uomo; e allora la banca ha bussato alla porta della donna, avviando la procedura per riavere indietro tutto il denaro. E' a quel punto che la 41enne sarebbe diventata consapevole dell'imbroglio-trappola tesole da quello che entro poco tempo sarebbe diventato il suo ex compagno.

Ma 51enne, atteso dal rinvio a giudizio chiesto della procura trevigiana, è sotto procedimento anche per il reato di appropriazione indebita: si sarebbe tenuto, anche dopo la fine del rapporto, l'automobile che la ex gli aveva di fatto prestato. Il tutto fino al giugno del 2020, quando la vettura è stata sottoposta ad un sequestro amministrativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La "ex" come garante di un prestito ma lei è all'oscuro di tutto, 51enne finisce davanti al giudice
TrevisoToday è in caricamento