Cronaca

Fiumi di "coca" fra Treviso e Venezia, venerdì i primi interrogatori

Flavio Franceschet, Paolo Falcin e Silvia Zotti saranno sentiti dagli inquirenti. Accusati di traffico di stupefacenti sono finiti in manette nell'ambito dell'operazione "Covid" disposta dal sostituto procuratore di Treviso Mara De Donà

I carabinieri di Marcon

Saranno svolti il 17 luglio gli interrogatori di garanzia di Flavio Franceschet, 41 anni di Maser e di Paolo Falcin, 40enne  e Silvia Zotti, 44enne, entrambi di Casale sul Sile. Franceschet, che si trova recluso nel carcere di S. Bona - assistito dall'avvocato Paolo Salandin - e gli altri due (avvocato Marco Aurella) che si trovano ai domiciliari, sono fra le persone arrestate, insieme a Denis Tiveron, un 35enne di Casale ma domiciliato a Musile di Piave, con l'accusa di traffico di stupefacenti nell'ambito dell'operazione "Covid" disposta dal sostituto procuratore di Treviso Mara De Donà e condotta dalla Stazione Carabinieri di Marcon (Venezia), da personale della Compagnia Carabinieri di Mestre, supportato nelle fasi esecutive da personale del 4° Brigata “Veneto”, dalle unità cinofile di Padova e i carabinieri di Casale sul Sile.

Secondo le indagini i primi episodi di spaccio di cocaina risalgono alla primavera del 2015, le indagini, invece, sono state condotte da ottobre 2019 a febbraio 2020 con indagini in collaborazione tra i carabinieri di Marcon e Casal sul Sile. I tabulati telefonici, le testimonianze degli acquirenti, hanno permesso di sradicare l'organizzazione, oltre all'identificazione altre 3 persone, denunciate per spaccio di stupefacenti. Il giro d'affari, come dimostrato dai militari, era talmente fiorente da diventare, di fatto, l'unica fonte di sostentamento per la banda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiumi di "coca" fra Treviso e Venezia, venerdì i primi interrogatori

TrevisoToday è in caricamento