rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca Casale sul Sile

Maltratta il coniuge per due anni, operaio finisce condannato

All'uomo, un 53enne di Casale, è stata inflitta una sentenza, in abbreviato, di un anno e quattro mesi di reclusione. I fatti, che avevano coinvolto anche la figlia, sono accaduti tra il 2016 e il 2018

L'ha presa di mira per due anni, con violenze fisiche e verbali dirette anche alla figlia, fino a quando, nell'estate del 2018, lei ha deciso di dire basta e lo ha denunciato. Per questo motivo, il giudice delle udienze preliminari Marco Biagetti ha condannato in rito abbreviato un operaio di Casale sul Sile di 53 anni a un anno e quattro mesi di reclusione.

Nel capo di imputazione della Procura di Treviso c'era riportato anche un particolare: nel novembre del 2017 l'uomo, che è un disoccupato, nel corso di una lite avrebbe scaraventato la moglie a terra, colpendola con calci in tutto il corpo. Uno dei colpì centrò la donna in faccia, costandole  il distacco della retina. Ma il 53enne, nei confronti del quale è stata presa la misura cautelare del non avvicinamento alla parte offesa, è stato prosciolto dal reato di lesioni personali. Il pubblico ministero aveva fatto una richiesta di condanna a due anni. La difesa, affidata all'avvocato Diego Melioli, si è riservata di presentare ricorso alla Corte d'Appello

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltratta il coniuge per due anni, operaio finisce condannato

TrevisoToday è in caricamento