menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il cumulo di rifiuti

Il cumulo di rifiuti

Continua la lotta all’abbandono di rifiuti: beccati tre ecovandali a Casale sul Sile

Le indagini della Vigilanza Ambientale del Priula hanno permesso di trovare i colpevoli

Come dimostrato anche dai recenti casi, i controlli svolti dagli addetti alla Vigilanza Ambientale danno importanti risultati nel contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti, ormai sempre più limitato. I rifiuti abbandonati nel 2020, infatti, rappresentano solo lo 0,17% del totale dei rifiuti raccolti: una quantità davvero ridotta che dimostra la mancanza di coscienza civica di pochi che – quando gettano i rifiuti lungo le strade del nostro territorio – vengono beccati. Come è accaduto pochi giorni fa a Casale sul Sile, dove la Vigilanza Ambientale del Consiglio di Bacino Priula in collaborazione con la Polizia Locale, ha individuato i responsabili di un ingente abbandono verificatosi in via M. L. King ai confini con Quarto d'Altino. Tra i materiali abbandonati sono stati rinvenuti importanti indizi che, grazie alle indagini effettuate, hanno permesso di scoprire che il responsabile non era una persona bensì tre che hanno gettato in strada i propri rifiuti a più riprese, creando un cumulo di oltre 2 mc.

Il primo ecovandalo beccato è residente proprio a Casale ed ha un regolare contratto di gestione dei rifiuti. Il secondo risiede a Silea, anche in questo caso c’è un regolare contratto ma la situazione contabile non è in ordine e sono emerse fatture non pagate; la terza persona individuata, invece, non è residente nel bacino servito. Ora per tutti i tre ecovandali scatterà una multa e verranno sanzionati con un importo che può arrivare anche a €500. Nei casi più gravi, l'abbandono di rifiuti prevede sanzioni pesanti che possono giungere fino a 3.000€. L’individuazione dei responsabili di questi comportamenti illeciti rappresenta un altro importante risultato nel contrastare il fenomeno degli abbandoni, un successo raggiunto grazie alla proficua sinergia e collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di Casale sul Sile e il Bacino Priula. La cura e il rispetto dell'ambiente, infatti, non devono mai mancare in una società che si voglia definire civile, perché chi abbandona i propri rifiuti, prima o poi, viene “beccato” come ben dimostrano questi casi.

«Le campagne del senso civico che in questi ultimi anni hanno coinvolto l’Amministrazione e i cittadini di Casale sul Sile sono molto importanti per creare una coscienza comune intorno a temi rilevanti come la cura dell’ambiente - ha commentato l’Assessore all’Ambiente Massimo Da Ros - La vigilanza sul territorio non viene mai meno e vede il massimo sforzo da parte di tutti per impedire atti come questo, che deturpano e inquinano l’ambiente, scaricando così sulla collettività le conseguenze di comportamenti scorretti del singolo».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Coniglietto intrappolato nel camino: salvato dai pompieri

  • Eventi

    La lotta alla Mafia di Falcone e Borsellino raccontata da Pietro Grasso

  • Attualità

    Premio “Giuseppe Mazzotti” Juniores: prorogata la scadenza del bando

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento