Cronaca

La banda delle "casette dell'acqua" colpisce ancora: doppio colpo nella notte

Dopo il furto di Mogliano, blitz a Ponzano e a Giavera. I malviventi hanno portato via l'intera attrezzatura per un valore complessivo di 50mila euro. Telecamere al setaccio

PONZANO VENETO Ancora casette dell'acqua nel mirino dei ladri. Dopo il furto a Mogliano Veneto, in via dello Scoutismo, a pochi passi dal parco Arcobaleno, la scorsa notte doppio furto, questa volta a Ponzano Veneto in via Livello, di fronte alla chiesa parrocchiale, e a Giavera del Montello, in piazza Martini. I dispositivi per la distribuzione dell'acqua all'interno delle casette, completamente smontate e portate via dai malviventi, sono tutte di proprietà dell'azienda trevigiana “Vivatek”.

Il materiale rubato dai ladri ammonta a circa 12mila euro per ciascuna struttura a cui si aggiungono le spese per ricomprarlo, nuovi test sull'acqua e naturalmente i mancati incassi. I malviventi si sono impossessati di refrigeratori, filtri, dispositivo per la pressione, l'aspiratore dell'aria, perfino i tubi dell'acqua oltre a telecamere interne e relative memorie. Si sono salvati solo i bomboloni dell'anidride carbonica: troppo pesanti per essere portati via. Che ci sia una sola banda ci sono ormai pochi dubbi, sia per le modalità che per gli obiettivi colpiti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La banda delle "casette dell'acqua" colpisce ancora: doppio colpo nella notte

TrevisoToday è in caricamento