Scritte sui muri, i vandali prendono di mira la palestra di Dosson

La mano sembra la stessa e l’anonimo writer non ha colpito a caso: la zona degli impianti sportivi non è particolarmente frequentata durante le ore notturne

CASIER I muri erano stati ridipinti da poco, ma i vandali non hanno avuto pietà. Le pareti esterne delle palestre di Dosson sono state pesantemente imbrattate da un writer che ha approfittato delle ore notturne per dare sfogo alle proprie fantasie. Era già successo in passato, ma questa volta il danno è ancora più grave perché le scritte sono lunghe diversi metri e molto visibili: una è stata apposta sul muro della centrale termica della palestra delle scuole medie, l’altra ha deturpato una parete del vicino palazzetto dello sport. La mano sembra la stessa e l’anonimo writer non ha colpito a caso: la zona degli impianti sportivi non è particolarmente frequentata durante le ore notturne, ma si anima di giorno, anche per la vicinanza con le scuole elementari e medie di Dosson.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Le scritte sono lì ormai da alcuni giorni, chiediamo che l’amministrazione comunale intervenga al più presto per rimuoverle  – dichiara Bruno Sartorato, presidente della Polisportiva Casier, associazione che ha in gestione il palazzetto di Dosson - Siamo a pochi metri dalle scuole: noi educhiamo i giovani al rispetto di certi valori e loro hanno davanti agli occhi queste scritte. Non mi sembra un bel messaggio. E poi bisogna fare in modo che certi episodi non si ripetano. Occorre una maggiore vigilanza durante le ore notturne: le telecamere ci sono, che vengano utilizzate anche per tenere sotto controllo questa zona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion con mucche e tori si rovescia, caos sulla bretella

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Covid-19, in quarantena una classe del Leonardo da Vinci e una della materna di Cimadolmo

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

  • Eletto "il Babbo più Bello d'Italia 2020", premiato anche un papà trevigiano

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento