menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pesante cancello che ha ucciso Tommaso Tiveron

Il pesante cancello che ha ucciso Tommaso Tiveron

Bambino schiacciato dal cancello, chiesto il rinvio a giudizio per due operai

Tommaso Tiveron aveva 4 anni ed è morto per le lesioni causate da una anta del pesante manufatto che gli è caduta addosso. Per quei fatti la Procura vuole processare i due fabbri che, nel corso di un intervento, non avrebbero rimesso in sede un bullone che serviva a bloccare il grosso corpo metallico

Due interventi, il secondo per un aggiustamento. Ma quel giorno i due fabbri, chiamati a sistemare l'anta del cancello dell'abitazione che era ancora in fase di costruzione, non rimisero il bullone che fermava il grosso corpo metallico. Per questa ragione il pubblico ministero Davide Romanelli ha chiesto,  nei confronti dei due artigiani di Paese, il rinvio a giudizio con la pesante accusa di aver causato la morte Tommaso Tiveron, il bimbo di 4 anni di Dosson di Casier che il 29 luglio scorso è rimasto ferito mortalmente dall'anta del cancello, che doveva essere automatizzato, che gli è franata addosso. Omicidio colposo l'imputazione formale. L'udienza preliminare è in fase di fissazione da parte del gip.

I due indagati sono i titolari di una azienda artigiana. Quella sera di fine luglio il bambino si trovava presso la casa, con io genitori e i nonni,  che stavano visitando la zona dei lavori.  È bastato un attimo e il piccolo è rimasto schiacciato sotto il peso del cancello, che gli ha provocato lesioni gravissime soprattutto alla testa. I soccorsi sono stati immediati e i medici hanno tentato l’impossibile per salvarlo, sottoponendolo a due delicati interventi chirurgici. Purtroppo però non c’è stato nulla da fare e dopo 46 ore di lotta per la vita si sono dovuti arrendere dichiarandone la morte.

Le indagini accerteranno che  il cedimento del cancello è stato dovuto all'assenza dell'ultimo bullone, quello che montato sulla cerniera, preposto alla chiusura. Gli artigiani sarebbero stati chiamati nel cantiere della di via IV Novembre a Dosson per  effettuare una riparazione ma al termine di quel secondo intervento non sarebbe stato inserito un bullone in una delle due ante del cancello. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Amazon, due nuovi depositi di smistamento nella Marca

Auto e moto

Cambio gomme invernali: scatta l'obbligo di montare le estive

Attualità

Malore fatale in piazza: addio al medico-pilota Csaba Gombos

Salute

A Monastier il nuovo hub vaccinale anti-Covid per le aziende venete

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento