rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Cronaca Casier

Preso di mira nella notte il centro vaccinale di Dosson di Casier

Nella notte tra sabato 8 e domenica 9 gennaio ignoti hanno rotto il vetro di una finestrella del container che funge da accettazione del centro vaccinale e tentato di forzare la serratura. Rubato un estintore. Le indagini prendono in considerazione la pista di un gesto dimostrativo da parte dei "no vax". Il sindaco Renzo Carraretto: « Non ci faremo intimidire»

Un gesto vandalico, forse non caso avvenuto 5 giorni dopo la decisione del Governo che ha messo sull'obbligo vaccinale per tutte le persone che hanno più di 50 anni. Nella notte tra ieri, sabato 8 gennaio e oggi, domenica 9 gennaio, è stato preso di mira di Covid Point di Dosson di Casier, in zona Industriale.

dosson3-2

Ignoti hanno rotto il vetro di una finestrella del container che funge da accettazione del centro vaccinale; hanno tentato anche di forzare la serratura, sia all'esterno che all'interno, senza peraltro riuscirci. Due transenne utilizzate per incanalare gli accessi in strada sono state rinvenute nel fossato adiacente mentre i vandali avrebbero rubato un estintore, che si trovava nella vicina tensostruttura, che è aperta e non ha porte. Nessun danno invece si è registrato al centro. Le indagini, condotte dai Carabinieri della Compagnia di Treviso, si concentreranno ora sui frame registrati da una vicina telecamere di sorveglianza che potrebbe aver ripreso l'arrivo dei protagonisti del raid.

dosson4-3

«Un gesto inspiegabile e assurdo - è stato il commento del sindaco di Casier Renzo Carraretto - un danno fatto all'intera collettività. Se si tratta di una azione da parte di asseriti "no vax" è bene che si sappia che le conseguenze di questo fatto ricadranno su tutti. E' possibile che si tratti di un gesto dimostrativo a breve giro di posto dall'ultimo decreto con cui si è imposto l'obbligo di vaccino agli over 50. Comunque noi andremo avanti, non ci faremo intimidire».

«Se questi vandali pensano di danneggiarci  - ha detto il direttore generale della Usl 2 Francesco Benazzi - si sbagliano, siamo assicurati. Nei prossimi giorni intensificheremo i controlli mandando i vigilantes ad orari diversi rispetto a quelli dei giorni scorsi per controllare meglio l'area. È il quarto atto vandalico che subiamo in poche settimane. Un bilancio che si ripercuote su tutta la comunità».

dosson6-2

L'azione, che per il momento non è stata rivendicata, segue il ritrovamento, lo scorso 29 dicembre, di una bombola nel parcheggio dell'Hub vaccinale dell'ex Maber di Villorba, per cui la Procura di Treviso ha ipotizzato il reato di minacce. Così come per i fatti di Casier gli investigatori stanno seguendo la pista degli ambienti no vax. All'interno della bombola da campeggio, del peso di 15 chili circa, era ancora presente un piccolo quantitativo di gas e non era completamente vuota, come inizialmente era stato ipotizzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preso di mira nella notte il centro vaccinale di Dosson di Casier

TrevisoToday è in caricamento