rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Cronaca Casier

Devastazione alla "Serena", a processo tre richiedenti asilo

Amadou Toure, gambiano di 26 anni, Mohammed Traore, maliano di 25 anni e Abdourahmane Signate, 31enne senegalese erano stati arrestati nell'agosto scorso con l'accusa di sequestro di persona per aver bloccato alcuni operatori e personale medico e di saccheggio. Il procedimento è stato rinviato per permettere la traduzione in francese degli atti

Sono stati rispediti alla Procura perché vengano tradotti in francese gli atti del processo ai tre richiedenti asilo responsabili della sommosa avvenuta all'interno dell'ex caserma Serena di Dosson di Casier la scorsa estate. I difensori degli imputati, gli avvocati Barnaba Battistella, Giuseppe Romano e Giuseppe Zago, hanno infatti eccepito che le carte non erano state scritte in una lingua parlata anche dai tre. Amadou Toure, gambiano di 26 anni, Mohammed Traore, maliano di 25 anni e Abdourahmane Signate, 31enne senegalese erano stati arrestati insieme a  Chaka Outtara, ivoriano di 23 anni, che si è suicidato nel carcere di Verona. Sono accusati di sequestro di persona per aver bloccato alcuni operatori e personale medico, di saccheggio e devastazione.

La rivolta era scoppiata mentre il personale medico dell'Uls 2 si trovava all'interno dell centro per comunicare l'esito dello screening anti Covid-19 effettuto il giorno prima ai profughi: appena si è diffusa la notizia di una positività e si è palesata la possibilità di un'altra quarantena qualcuno fra i migranti ha reagito con violenza. Alcuni operatori della società che gestisce il centro e personale della Uls 2  si sono rifugiati in una stanza: ma i profughi  avrebbero impedito loro di uscire con violenze e minacce. Da qui la decisione della polizia di intervenire in tenuta anti sommossa per sedare la protesta che non si è placata: gli immigrati hanno lanciato sassi e oggetti contro i poliziotti e devastato il centro.
 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Devastazione alla "Serena", a processo tre richiedenti asilo

TrevisoToday è in caricamento