Cronaca

Caos a Carbonera: crema il padre, ma scompaiono le sue ceneri

Curioso e triste caso nel trevigiano. Una donna è stata costretta dal Comune a cremare i resti del padre, ma non ha mai ricevuto le ceneri

CARBONERA - Un vero e proprio caos culminato con una denuncia ai carabinieri quello che negli ultimi mesi sta interessando il Comune di Carbonera. Una donna infatti, secondo quanto riportato dal "Gazzettino", sarebbe stata costretta dagli uffici comunali a cremare le spoglie del proprio padre a causa di uno spostamento di loculo, ma delle sue ceneri si sono perse le tracce.

Il caso parte nello specifico da una richiesta dell'amministrazione comunale alla donna in cui le si richiedeva di estrarre le salme del padre e dei nonni dalla tomba familiare. In un primo momento i resti dei nonni vengono trasportati in una cassetta apposita, mentre per il genitore si decide la cremazione. Al momento però dello spostamento nel nuovo loculo e della dovuta consegna delle ceneri, queste non figurano, come si fossero volatilizzate nel nulla.

Subito quindi la donna, residente a Vascon di Carbonera e appoggiata anche da diversi familiari, scrive una lettera di indignazione al Comune e sporge denuncia ai militari. Ciò che chiede sono chiarimenti sulle procedure di estumulazione dei corpi e sull'avvenuta o meno cremazione del padre, per poter ancora piangere una volta sulle sue spoglie.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos a Carbonera: crema il padre, ma scompaiono le sue ceneri

TrevisoToday è in caricamento