Contrattazione sociale, accordo fra il Comune di Castelfranco e sindacati

Sarà avviata un’azione di recupero delle imposte Imu e Tasi e la stipula di una convenzione con l’Agenzia delle Entrate per il contrasto all’evasione fiscale, su cui ci sarà una verifica tra le parti entro la fine del mese di gennaio 2017

CASTELFRANCO VENETO Nella serata del 22 dicembre è stato sottoscritto l’accordo tra il Comune di Castelfranco Veneto – presente il sindaco Stefano Marcon - e le organizzazioni confederali e dei pensionati Cgil, Cisl e Uil di Treviso nell'ambito della contrattazione sociale. Il sindaco ha accolto positivamente molte delle richieste presentate dai sindacati con la piattaforma confederale 2016.

“Si è trattato - spiegano i dirigenti sindacali - di un'intesa positiva che riassume i principali impegni dell’amministrazione a chiusura di un 2016 molto impegnativo. Le difficoltà economiche non hanno impedito di mantenere inalterata la spesa per il sociale, la cultura e l’istruzione. L'amministrazione garantisce l’impegno per uniformare i limiti Isee per l'accesso ai servizi erogati dal Comune per dare ai cittadini le stesse agevolazioni e assicurare un aiuto soprattutto a chi ne ha più bisogno, anche per quanto riguarda le rette delle scuole materne parrocchiali”.

Va poi segnalato l’avvio di un’azione di recupero delle imposte Imu e Tasi e la stipula di una convenzione con l’Agenzia delle Entrate per il contrasto all’evasione fiscale, su cui ci sarà una verifica tra le parti entro la fine del mese di gennaio 2017. Sulla base di questa verifica e delle effettive entrate, i rappresentanti sindacali hanno proposto di valutare la possibilità di alzare a 15.000 euro il livello dell’esenzione dell’addizionale IRPEF.

Grande rilievo ha assunto la questione socio-sanitaria, con particolare riferimento all’attuazione dell’ospedale di comunità, un struttura che consente di gestire la fase successiva ai ricoveri ospedalieri in modo efficace e a costi contenuti, senza scaricare sulle famiglie un impegno troppo gravoso di assistenza. Altrettanto importante è la costituzione delle attività di medicina di base associata e integrata, finalizzata a garantire un’assistenza in tutti i giorni della settimana. Sulla tempestiva realizzazione di questi obiettivi, Comune e sindacati sono impegnati nel sollecitare la direzione della Ulss, questione che sarà ulteriormente approfondita nel prossimo confronto di gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Telepass: «Due anni di canone gratuito per i residenti nella Marca»

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento