menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da rifare il processo a una imprenditrice castellana

Da rifare il processo a una imprenditrice castellana

Tenne per sé le compensazione dell'Inps, processo da rifare

Un imprenditrice castellana è accusata di essersi trattenuta gli 11 mila euro per la maternità di una dipendente. Il legale della donna ha eccepito che il reato debba essere affrontato in sede collegiale e non davanti al monocratico

E' tutto da rifare il processo all'imprenditrice di Castelfranco Veneto che, tra il 2013 e il 2015, avrebbe trattenuto per sé gli 11 mila euro di compensazioni Inps per la maternità di una dipendente.

Il legale della donna, l'avvocato Simone Guglielmin, ha infatti eccepito che il reato di indebita percezione di erogazioni a carico dello Stato debba essere affrontato in sede collegiale e non davanti al monocratico. Al giudice Carlotta Brusegan sono occorsi 50 minuti di camera di consiglio per decidere di rispedire gli atti al pubblico ministero, che rimetterà il procedimento all'udienza preliminare.

La storia risale al 2017, quando nell'azienda di B.S, 50enne di Castelfranco, venne effettuato un controllo da parte degli ispettori del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Ne emerse che la donna non avrebbe versato alla dipendente dieci mesi di indennità per la maternità, prima obbligatoria e poi facoltativa, ma per contro avrebbe trattenuto per sé gli 11mila euro di cui ha chiesto compensazione all'Inps.  Una verità venuta alla luce anche grazie alla testimonianza della lavoratrice che una volta scattate le indagini ha confermato di non aver preso neppure un euro di quanto la datrice di lavoro aveva invece inserito nella busta paga dei mesi tra ottobre del 2013 e febbraio del 2015, periodo in cui la donna risultava, per l'Inps, in maternità. Pur documentato quel denaro non era però mai stato erogato: e quando l'istituto di previdenza ha corrisposto all'azienda il conguaglio i soldi sarebbero semplicemente "scivolati" nelle tasche della titolare.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
blog

Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento