menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo caso di meningite a Treviso, 45enne ricoverato al Ca' Foncello

Resta in prognosi riservata l'insegnante 43enne che si trova presso il reparto di rianimazione di Castelfranco. L'Ulss 2: nessuna relazione tra i due casi

CASTELFRANCO VENETO La Direzione dell’Azienda Ulss 2 “Marca Trevigiana”  comunica che la paziente quarantatreenne accolta venerdì sera 10 febbraio scorso all’ospedale di Castelfranco Veneto, affetta da meningite da meningococco di tipo C, è ancora ricoverata presso la Terapia Intensiva dello stesso ospedale.

La paziente, le cui condizioni sono serie e tutt’ora impegnative, rimane in prognosi riservata. Il quadro clinico è in lieve e costante miglioramento, pur non essendo la signora ancora fuori pericolo.  La Direzione – anche su richiesta dei familiari - rettifica alcune notizie non del tutto esatte apparse oggi sulla stampa: la signora non è giunta al pronto soccorso alle 19.00 ma alle 18.00; il sospetto di meningite è stato posto in tarda serata e non al suo arrivo quando ancora il quadro era compatibile con più diagnosi.

La Direzione Sanitaria dell’Azienda ULSS 2 “Marca Trevigiana” comunica che da questa mattina è ricoverato presso l’Ospedale Ca’ Foncello di Treviso un paziente quarantacinquenne che si è rivelato - in seguito agli esami di laboratorio - affetto da meningite da pneumococco. La Direzione fa presente che non può esserci alcuna relazione tra questo caso di infezione da pneumococco e quello di infezione da meningococco. La meningite da pneumococco, infatti, a differenza di altri tipi di meningite non dà origine a focolai epidemici. Per questo motivo non richiede nemmeno interventi di profilassi antibiotica sui familiari e i contatti stretti. Il paziente si trova ora in Terapia intensiva in condizioni cliniche stazionarie.

La Direzione Aziendale ribadisce anche in questa occasione che, per qualsiasi dubbio, il cittadino può rivolgersi tranquillamente al proprio medico di famiglia. I professionisti della medicina generale e della continuità assistenziale, infatti, hanno tutte le competenze necessarie per dare una risposta appropriata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Attualità

«Perchè non è stata vaccinata anche mia moglie?»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento