menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il parcheggio del locale, foto dal sito della discoteca

Il parcheggio del locale, foto dal sito della discoteca

In coma dopo la notte brava con gli amici, grave un 33enne

L'uomo, ricoverato in rianimazione in ospedale a Montebelluna, è stato soccorso dal Suem 118 alle 4.30 nel parcheggio del locale "Salotto mondano" di Castelfranco. Indagano i carabinieri

E' ricoverato in prognosi riservata presso il reparto di rianimazione dell'ospedale di Montebelluna, in condizioni gravissime dopo una notte brava con gli amici, conclusa in un locale di Castelfranco: mentre si trovava nel parcheggio del locale, è stato colto da un malore dovuto all'assunzione massiccia di alcolici e ha sbattuto violentemente al capo. Sono ora di forte apprensione per la sorte di un 33enne di Rosà, D.D.. L'uomo, qualche minuto prima delle 5 del mattino di domenica, è stato soccorso dagli infermieri del Suem 118 mentre si trovava disteso, riverso a terra, nel parcheggio del locale "Salotto mondano" di Castelfranco Veneto, in via della Borsa. A lanciare l'allarme al 118, alle 4.20 circa, sono stati gli amici del 33enne.

L'uomo, in stato di coma, è stato portato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale di Castelfranco e poi trasferito a Montebelluna dove si trova attualmente ricoverato: gli è stato riscontrato, dai primi esami clinici, un forte trauma cranico ed il coma etilico. Lui e gli amici avevano trascorso la nottata in più locali della zona zona. Solo nelle prossime ore sarà possibile sciogliere la prognosi. Nel parcheggio, già all'alba di domenica, si sono recati i carabinieri di Castelfranco Veneto, senza tuttavia trovare elementi utili alle indagini. Fondamentale sarà ora la visione delle telecamere di videosorveglianza presenti in zona da parte degli investigatori; nei prossimi giorni saranno sentiti alcuni degli amici che erano in compagnia del giovane vicentino. Impossibile per ora chiarire i contorni dell'accaduto: il 33enne sarà sentito non appena i medici scioglieranno la prognosi e potrà dunque dare la sua versione di quanto avvenuto.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento