Mascherine chirurgiche non sicure, 7500 sequestrate al mercato

Operazione delle fiamme gialle a Castelfranco Veneto. Sanzionato un venditore ambulante, un 48enne italiano della zona. Le mascherine erano tutte prive di indicazioni in lingua italiana e delle informazioni minime richieste dal Codice del consumo

Le mascherine sequestrate

Nel periodo di maggiore intensità dell’emergenza connessa alla pandemia da Covid-19, proseguono gli interventi delle Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso a contrasto dell’illecita commercializzazione di dispositivi di protezione individuale.Nell’ultimo intervento, in ordine di tempo, i finanzieri della Tenenza di Castelfranco Venetohanno però individuato un canale nuovo –e del tutto singolare –di vendita delle mascherine di tipo chirurgico: in occasione del mercato settimanale, che si tiene nella piazza castellana, le Fiamme Gialle hanno individuato, tra i vari banchi, quello di un venditore ambulante (un 48enne italiano della zona) che esponeva per la vendita, oltre ad articoli per la cura della persona, anche migliaia di mascherine di tipo chirurgico.

Al termine del controllo, sono state 7.500 le mascherine sequestrate, tutte prive di indicazioni in lingua italiana e delle informazioni minime richieste dal Codice del consumo, riguardanti la denominazione legale o merceologica del prodotto, il produttore, il Paese di origine, l’eventuale presenza di materiali o sostanze pericolose, i materiali impiegati e le istruzioni per l’uso. Ai fini della commercializzazione, la presenza delle indicazioni e delle specifiche di dettaglio inerenti al prodotto, previste come obbligatorie dalla normativa di settore, oltre a tracciare l’intera filiera di produzione, consente anche di assicurare un adeguato standard qualitativo della merce, escludendo così che nella sua fabbricazione possano essere stati utilizzati materiali e sostanze potenzialmente nocive per la salute degli utenti finali. L’ennesimo intervento della Guardia di Finanza di Treviso testimonia ancora una volta l’impegno in questo delicato settore, a tutela sia della salute dei cittadini (che –ricordiamo ancora una volta –puòessere messa in serio pericolo dall’utilizzo di dispositivi di protezione non in grado di arrestare la diffusione del virus), sia della libera concorrenza, a beneficio degli operatori economici onestie rispettosi delle regole.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Il papà più bello d'Italia? Ha 34 anni, è trevigiano ed è gay

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

  • Il sorriso di Claudia si spegne a soli 56 anni: fatali una malattia e il Covid

Torna su
TrevisoToday è in caricamento