Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Castello di Godego

Truffa del concessionario, in quattro alla sbarra per associazione a delinquere

Oltre 400 mila euro tra acconti e saldi per autovetture in realtà mai consegnate. "L'Autorevole" a Castello di Godego avrebbe pubblicato falsi annunci per la vendita di autovetture

Il concessionario "L'Autorevole" di Castello di Godego

Oltre 400 mila euro tra acconti e saldi per autovetture in realtà mai consegnate. E' di associazione a delinquere finalizzata alla truffa l'accusa rivolta a 4 persone, residenti nella provincia di Treviso, di Vicenza e Trapani, ritenute responsabili di una serie interminabili di raggiri via internet realizzati servendosi di una società, l'Autorevole con sede a Castello di Godego, che pubblicava falsi annunci di vendita di autoveicoli.

Alla sbarra sono finiti Ignazio Rera, 25enne di Erice, in provincia di Trapani, che del finto concessionario era anche il legale rappresentante,  Mykola Kantsedal, un cittadino ucraino di 46 anni di Caerano San Marco, Maicol Cervellin, 32enne di Castelfranco Veneto e Paolo Stevan, 47 anni, ex impiegato e imprenditore, originario di Bassano ma residente Pove (Vicenza), che in passato si è messo in luce per altre truffe dello stesso genere.

Secondo le indagini della Procura di Treviso lo schema era sempre lo stesso: annunci in internet mostravano macchine, nuove o usate, che in realtà non esistevano e servivano solo da "esca" per attirare nella trappola ignari acquirenti un po' di tutta Italia. Incassati gli acconti e in taluni casi anche le cifre a saldo, 400 mila euro raccolte nel breve arco di neppure un mese, i quattro sparivano. Quarantaquattro i truffati che si sono costituiti parte civile, compreso il Movimento di Difesa del Cittadino.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffa del concessionario, in quattro alla sbarra per associazione a delinquere

TrevisoToday è in caricamento