menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'indagine è stata condotta dalla polizia postale di Catania

L'indagine è stata condotta dalla polizia postale di Catania

Maxi operazione contro la pedopornografia online: 51 indagati, 30 sono minori

Le indagini hanno avuto inizio a seguito della denuncia di una madre di un adolescente, che si era accorta della presenza sullo smart phone del figlio di immagini erotiche di minori pubblicate su due chat di WhatsApp. Coinvolta anche la Marca

Maxi operazione contro la pedopornografia online coordinata dalla procura della Repubblica e da quella per i minori di Catania. Sono 51 le persone indagate per detenzione divulgazione di pornografia minorile e tra queste 30 sono minorenni. Numerose le province coinvolte nell'operazione. Oltre a Catania, infatti, le operazioni investigative hanno interessato Ragusa, Bari, Brindisi, Foggia, Taranto, Roma, Torino, Alessandra, Asti, Novara, Milano, Brescia, Pavia, Firenze, Livorno, Prato, Venezia, Treviso, Verona, Reggio Calabria, Catanzaro, Oristano, Napoli, Gorizia, Terni, Genova, Matera, Forli e L'Aquila.

Le indagini hanno avuto inizio a seguito della denuncia di una madre di un adolescente, che si era accorta della presenza sullo smart phone del figlio di immagini erotiche di minori pubblicate su due chat di whatsapp, gruppi ai quali il ragazzo era iscritto, denominati 'Tana della Luna' e 'scoobyDank'. Gruppi che inizialmente condividevano immagini e video del genere 'gore', ovvero di torture, suicidi e simili. La donna ha consegnato spontaneamente lo smartphone al personale della polizia postale che ha acquisito il contenuto del telefono, in particolare dei due gruppi whatsapp.

Hanno avuto così inizio le indagini che hanno permesso di ricostruire le dinamiche e le eventuali condotte penalmente rilevanti dei simgoli aderenti ai gruppi, più di 300, riuscendo a identificare coloro che avevano divulgato o richiesto video o immagini di pornografia minorile con vittime anche in età infantile. L'operazione ha messo in luce la gravità di un fenomeno, quello della diffusione di materiale pedopornografico da parte di adolescenti che cercano e si scambiano tra loro pornografia anche infantile. Ingente il materiale informatico sequestrato che sarà sottoposto a approfondire analisi informatiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento