Processo per caporalato, l'imputato rivela: «Ero solo una pedina, il vero sfruttatore è un altro»

Si è difeso così il pakistano Ali Usman nel corso dell'udienza davanti al gup di Treviso. L'uomo è a processo con il rito abbreviato e deve difendersi dall'accusa di aver approfittato di lavoratori in condizioni di bisogno

«Io ero solo una pedina, il vero sfruttatore è un altro».  Si è difeso così ieri il pakistano Ali Usman nel corso dell'udienza davanti al gup di Treviso. L'uomo è a processo con il rito abbreviato e deve difendersi dall'accusa di sfruttamento di lavoratori in condizioni di bisogno.
Il 27enne, che è stato arrestato nello scorso dicembre, avrebbe costretto diciotto connazionali, tutti rifugiati e di cui 12 totalmente in nero, a essere impiegati nella potatura dei vigneti di decine di aziende vitivinicole della zona. Quello che non sarebbe stato regolare era il modo in cui trattava i suoi “dipendenti”, alloggiati in condizioni disumane, in un casolare di campagna di via Brian, a Cessalto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso della deposizione Usman ha puntato il dito su un secondo uomo, un pakistano 30enne ancora attivo nelle zone di Treviso e dell'hinterland, che sarebbe il vero "caporale" e che è stato denunciato per aver utilizzato il suo nome senza che il 27enne ne fosse consapevole.
«Io - ha detto - ero soltanto il più vecchio, lavoravo nei campi già da un paio di anni. Essendo quello con più esperienza spiegavo agli altri cosa fare e come. In realtà lavoravamo tutti in nero, anche io come loro. E non c’era nessuno sfruttamento, di certo non da parte mia. 5 euro all’ora era quanto riuscivo a contrattare con le aziende presso cui andavamo a lavorare nella stagione della vendemmia».

«Non mi sono arricchito - ha ripetuto - anche io ho sempre lavorato in nero perché queste erano le condizioni per poter guadagnare qualche cosa. Quell'uomo veniva ogni tanto a dare i soldi, pochi o tanti che fossero, e li consegnava a me perché io ero il più anziano del gruppo. C'è qualcuno che ha confuso i ruoli ma io mangiavo con gli altri e dormivo nelle stesse esatte condizioni di tutti».
Ma per i 18 braccianti era Usmaini che li forzava a orari massacranti da portare a termine senza l’abbigliamento adatto per il lavoro nei campi, anzi costretti malgrado le temperature invernali a stare in maglietta a maniche corte.

I carabinieri avevano messo fine alla sfruttamento dei lavoratori immigrati con indagini avviate a fine ottobre; i militari dell’Arma si erano insospettiti dal via vai quotidiano di due furgoni, che poi sarebbero risultati privi di copertura assicurativa, mai revisionati e guidati da persone senza patente. I
Si torna in aula il 23 luglio per la discussione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Adriano Panatta sposa a 70 anni l'avvocato trevigiano Anna Bonamigo

  • Elezioni in Veneto: guida al voto per Referendum, Regionali e Amministrative

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Truccavano gli esami di guida, autoscuola trevigiana nella bufera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento