Trova un chiodo nella gomma dell'auto: «Sono stati i ladri, volevano derubarmi»

La denuncia sui social di una donna di Castelfranco dopo essere tornata a casa dall'ipermercato. Le sue parole non hanno convinto molti utenti, creando un caso sui social

Il chiodo piantato nella gomma (Foto tratta da Facebook)

Giovedì scorso, 6 febbraio, ha parcheggiato la sua auto nel parcheggio del centro commerciale "Iper - La grande i" di Castelfranco, lungo il lato nordest (parcheggio libero, non disabili). Al rientro a casa, con il buio della sera, si è accorta di un chiodo piantato lateralmente nel pneumatico posteriore destro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' iniziata così la disavventura di una signora di Castelfranco che ha raccontato e condiviso l'accaduto sui social. Il giorno successivo il gommista, vista la posizione del chiodo, ha confermato alla donna che non si era trattato di un normale incidente ma di un atto intenzionale. Secondo la signora si tratterebbe di una tecnica già utilizzata in passato da alcuni ladri per costringere le persone a fermarsi nel caso in cui il chiodo si tolga sgonfiando il pneumatico per poi entrare in azione e derubare le vittime. «Credo sia giusto informare più persone possibile affinché possano evitarlo, soprattutto donne alla guida sole come ero io quella sera» ha concluso nel suo appello. Molti cittadini l'hanno ringraziata per la sua testimonianza ma altri hanno voluto sollevare qualche perplessità a riguardo, ipotizzando che si sia trattato non di una possibile truffa ma di un banale incidente. Non c'è nessuna prova che il chiodo sia stato piantato nel parcheggio dell'ipermercato. Inoltre molti utenti hanno sostenuto che i ladri avrebbero potuto sgonfiare direttamente la gomma e derubare la donna senza aspettare che il chiodo si staccasse dal pneumatico per poi sgonfiarla. Scettici o meno, il dubbio su come quel chiodo sia finito in una posizione così strana nel pneumatico posteriore dell'auto rimane per ora un mistero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vento, grandine e alberi caduti: il maltempo flagella la Marca

  • Covid, dodici lavoratori positivi in una ditta dell'hinterland trevigiano

  • Malore al risveglio, il sorriso di Alessandra si spegne a 44 anni

  • Schianto sulla Pontebbana, gioielli e arnesi da scasso nella Smart

  • Covid in azienda, 24 positivi: «Ci lavoravano dieci migranti della Serena»

  • Geox, cooperativa Venere in liquidazione: «Tutelare contratti e posti di lavoro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento