rotate-mobile
Martedì, 4 Ottobre 2022
Cronaca Silea / Via Sartorelli, 4

Tragedia sfiorata al Road House: ciclista rischia il soffocamento con un pezzo di carne

L'episodio è avvenuto nella giornata di sabato. Provvidenziale la presenza di un medico nel noto locale di Silea che ha evitato il peggio applicando la "manovra di Heimlich"

SILEA Ha rischiato di trasformarsi in tragedia un tranquillo pranzo tra amici avvenuto nella giornata di sabato 15 luglio al noto Road House di Silea. Protagonista della vicenda un ciclista romagnolo di 55 anni, arrivato nella Marca con alcuni amici per una tranquilla trasferta durante l'ultimo fine settimana.

Peccato che mentre si trovava seduto a gustare un ottimo piatto di carne, il cibo gli sia andato di traverso, bloccandogli la respirazione. La situazione è apparsa subito critica a tutti i presenti. Come riportato da "La Tribuna di Treviso" l'uomo ha iniziato a dimenarsi cercando di far capire agli amici di non riuscire più a deglutire. Preoccupati per quanto stava accadendo, i compagni dell'uomo hanno provato a portarlo nei bagni del Road House ma qui la situazione si è aggravata ancor di più. A un passo dal soffocamento, il ciclista è stato salvato dal provvidenziale intervento di un medico, recatosi casualmente a mangiare insieme alla sua compagna nello stesso locale. Alla richiesta d'aiuto degli amici dell'uomo, il medico si è qualificato e nel giro di pochi minuti ha praticato la famosa “manovra di Heimlich” riuscendo a far sputare il boccone al cinquantacinquenne moribondo. Come se niente fosse il medico ha poi pagato il suo conto e si è allontanato dal locale insieme alla donna con cui era arrivato. Un vero e proprio angelo custode per il fortunato ciclista emiliano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragedia sfiorata al Road House: ciclista rischia il soffocamento con un pezzo di carne

TrevisoToday è in caricamento