Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

Storta alla caviglia, 33enne trevigiana in ospedale ad Agordo

Gli amici l'avevano caricata sulle spalle e aiutata a scendere verso valle, dove una squadra del soccorso alpino l'ha fatta salire in fuoristrada

Attorno a mezzogiorno il Soccorso alpino di Auronzo è stato allertato per un escursionista che era arrivato da solo al Rifugio Lavaredo, dopo essere scivolato e aver sbattuto la testa. Una squadra del Sagf ha quindi raggiunto F.L., 30 anni, di Calenzano (FI), in jeep e lo ha accompagnato a valle.

Poco prima delle 14 i soccorritori di Agordo sono invece stati inviati sopra l'abitato di Pradimezzo, nel comune di Cencenighe Agordino. A quota 1000 metri, sul sentiero che porta al Bivacco Bedin, una ragazza, M.C., 33 anni, di Cimadolmo, aveva messo male un piede con conseguente storta alla caviglia. Gli amici l'avevano caricata sulle spalle e aiutata a scendere verso valle, dove la squadra l'ha fatta salire in fuoristrada per accompagnarla all'ospedale di Agordo.

L'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è volato nei pressi di Malga Ombretta, a Rocca Pietore, per una giovane scivolata su una lingua di neve. La quattordicenne di Trebaseleghe, con un possibile trauma cranico, è stata trasportata all'ospedale di Belluno. Successivamente l'eliambulanza è stata dirottata sul Coston d'Averau, a Cortina d'Ampezzo, per un alpinista caduto e feritosi a un piede. Il rocciatore, G.G., polacco, di 22 anni,  che aveva riportato un probabile trauma alla caviglia è stato portata all'ospedale di Agordo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Storta alla caviglia, 33enne trevigiana in ospedale ad Agordo

TrevisoToday è in caricamento