rotate-mobile
Martedì, 31 Gennaio 2023
Cronaca Cison di Valmarino

Allaccio abusivo alla rete elettrica per non pagare le bollette, arrestato dai carabinieri

Lo "scroccone" era un 31enne nordafricano che ha aggredito i militari e i tecnici delle rete elettrica nel corso di un controllo avvenuto a Cison di Valmarino. I cavi scoperti avrebbero potuto provocare un incendio

Aveva allacciato abusivamente la linea elettrica della propria abitazione, attraverso un cavo elettrico su morsetti, a quella di proprietà della società di erogazione. Un trucco per non pagare la bolletta e poter avere ugualmente l'energia elettrica. A fare la scoperta sono stati i carabinieri della stazione di Cison di Valmarino, in collaborazione con la società di servizi, hanno però consentito di individuare il fruitore abusivo del servizio, un 31enne nordafricano, che in fase di identificazione da parte dei militari dell'Arma ha tentato di sottrarvisi opponendo resistenza e minacciando e insultando i militari (nessuno nella circostanza fortunatamente riportava lesioni).

Per lo straniero, indagato per furto di energia elettrica e danneggiamento aggravato, è scattato così l'arresto per violenza, resistenza e oltraggio a Pubblico Ufficiale cui è seguita, non sussistendo ulteriori esigenze cautelari, la rimessa in libertà in attesa del prosieguo della vicenda penale. L'intervento dei carabinieri ha consentito di scongiurare, peraltro, conseguenze più gravi derivanti dalla compromissione della rete, quali un possibile incendio per la presenza di cavi scoperti. Ulteriori verifiche sono in corso per accertare da quanto tempo l'allaccio abusivo era in atto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allaccio abusivo alla rete elettrica per non pagare le bollette, arrestato dai carabinieri

TrevisoToday è in caricamento