Omicidio di Rolle, on line Papa si vantava di pestaggi e di saper "bruciare cose"

In aula gli investigatori hanno portato alcune tracce trovate nel computer di Papa: una chat, risalente al 2016, in cui nell'ambiente virtuale del gioco Triavian, con il nick name di Reius Gilles, il presunto killer si presentava come violento e spietato

Sergio Papa, a processo per il delitto di Rolle

Una personalità violenta, che si "vanta" di pestaggi e del talento a bruciare cose. E' Sergio Papa nel racconto di Giovanni Mura, comandante del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Treviso, ascoltato oggi, giovedì, come testimone nella lunga udienza del processo a carico del 35enne, accusato dell'omicidio di Loris e AnnaMaria Nicolasi, avvenuto il 1 marzo del 2018 nella casa dei due anziani coniugi a Rolle. Mura racconta delle tracce trovate nel computer di Papa: una chat, risalente al 2016, in cui nell'ambiente virtuale del gioco Triavian, con il nick name di Reius Gilles, Papa scrive: «Ho picchiato delle persone e gli ho mostrato un coltello. Ho preso una mazza». E di aver guardato i giornali nei giorni successivi. «Non è ha parlato nessuno -ha scritto Papa- quindi non è morto». Oltre a vantarsi del fatto di avere "talento a bruciare le cose".

Alla corte il comandante del Nucleo Investigativo dei Carabinieri riporta inoltre: «Il 5 marzo (quattro giorni dopo il duplicie omicidio) due ufficiali dell'Arma vedono Sergio Papa a casa dei genitori. I coniugi vengono convocati in caserma a Cison e nel tragitto ci sono intercettazioni telefoniche significative. All'arrivo dei carabinieri Sergio Papa viene scorto però uscire da una porta finestra, acquattandosi nascosto per poi rientrare nell'abitazione solo quando i militari ne escono».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'avvocato difensore Alessandra Nava punta il dito contro i tre polacchi che, la notte che precede l'omicidio, avevano messo a segno una rapina ad una connazionale 50enne a Farra di Soligo. «Non ci sono elementi per legarli ai fatti di Rolle»: è stata la risposta di Mura. Ma l'asso che il legale di Sergio Papa vuole giocare è un altro: la procedura con cui sono stati fatti i prelievi per i test genetici sui corpi dei due anziani trucidati. «Non è stato rispettato il protocollo europeo - tuona la Nava durante la deposizione del dottor Alberto Futlanertto che ha effettuato i prelievi e l'autopsia sui cadaveri dei coniugi Nicolasi - come riporta la Cassazione se non vengono rispettate quelle procedure gli esami e i prelievi sono nulli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Zaia: «Il Veneto è di nuovo una regione a rischio elevato»

  • Zaia getta acqua sul focolaio: «Contagi non ripresi. Ordinanza non sarà più restrittiva»

  • Coronavirus, nuovo aumento di casi in Veneto, Zaia: «Sono preoccupato»

  • Salvato dall'annegamento, 20enne muore dopo una settimana di agonia

  • Tragedia di Farra, Vittoria ha donato gli organi: fissata la data dei funerali

  • Scivola e batte la testa dopo un volo di 13 metri: muore a 21 anni

Torna su
TrevisoToday è in caricamento