menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Clandestini come lavoratori in nero nei campi di radicchio: blitz della polizia

Partivano tutti i giorni da Verona per lavorare nella Marca senza regolamentazione. Chiusi anche un laboratorio tessile a Crespano e sospesa l'attività al Wok-Sushi di Villorba

VEDELAGO Partivano all'alba dal veronese e dopo un lungo tragitto raggiungevano la Marca trevigiana dove fino al tramonto venivano sfruttati ininterrottamente per lavorare nei campi alla raccolta di radicchio chioggiotto. Succedeva a Fanzolo di Vedelago, dove un gruppo di quattro giovani marocchini irregolari lavoravano in nero tutti i giorni per una cooperativa veronese del tutto regolare, gestita da un connazionale 28enne, che entrata come subappaltante ad una azienda di Scorzè che a sua volta aveva affittato quattro campi agricoli da un privato. A scoprire il raggiro della legge il Nucleo Ispettorato del Lavoro della Direzione Territoriale di Treviso. La polizia ha così denunciato il 28enne per utilizzo di manodopera clandestina e ha sempre nei suoi confronti comminato una multa salatissima. I giovani irregolari sono stati invece espulsi.

A Crespano del Grappa, invece, a finire nel mirino degli agenti è stato un laboratorio tessile che aveva tra i suoi collaboratori tre cittadini cinesi in nero e due loro connazionali clandestini.Con ben ventisette postazioni di lavoro generale e tre per la stiratura, il laboratorio aveva commesse per grossi marchi italiani, ma al contempo mancava del rispetto delle più basiche norme di sicurezza e sanitarie come: il possedimento di una cassetta del pronto soccorso, normali misure di sicurezza, riscaldamento e impianto elettrico a norma. L'attività in questione è stata quindi chiusa immediatamente. A Villorba invece sono stati riscontrati problemi con un wok-sushi che aveva alle sue dipendenze due dipendenti in nero, fatto che ha comportato una sanzione da 2mila euro e la loro assunzione a tempo indeterminato, oltre che la chiusura temporanea dell'attività. Infine, si segnala che anche un ferramenta cinese a Conegliano, in viale Italia, è stato temporaneamente chiuso sempre per motivazioni legate alla mancanza di contratto di tre "dipendenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento