menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Domenica sera sono intervenuti i carabinieri

Domenica sera sono intervenuti i carabinieri

Padre accoltella moglie e figli, 34enne in prognosi riservata

L'uomo, un 60enne marocchino, è stato arrestato dai carabinieri per tentato omicidio volontario plurimo. Il raptus domenica sera a Colfrancui: dopo una furiosa lite con la moglie ha preso un coltellaccio da cucina per farsi giustizia

Tentato omicidio volontario plurimo, con l'aggravante di aver commesso il fatto contro i propri familiari. Sono queste le ipotesi di reato formulate dal sostituto procuratore Massimo Zampicinini nei confronti di Ahmed Adil, il marocchino 60enne che domenica sera ha aggredito a coltellate moglie figlie all'interno della loro casa di via San Tiziano a Colfrancui. Secondo le prime ricostruzioni a scatenare la violenza dell'immigrato sarebbe stato un litigio con la moglie 55enne, contro cui l'uomo si è scagliato armato di un coltellaccio da cucina. I tre figli sarebbero allora accorsi in aiuto della donna: il maggiore, 34enne, è stato raggiunto da uno coltellata all'addome e si trova ora ricoverato all'Ospedale di Treviso in prognosi riservata.

E' lui ad avere lanciato l'allarme dopo essere sfuggito alla furia omicida del padre, trovando rifugio in una che si trova poco poco lontano da casa. Feriti fortunatamente in maniera meno grave la moglie, la figlia 18enne e l'altro figlio 21enne, anche loro ancora ricoverati al Ca' Foncello. In passato non c'erano state segnalazioni di liti, violenze o maltrattamenti in famiglia. Il 60enne si trova ora in custodia cautelare nel carcere di S.Bona in attesa della fissazione dell'udienza di convalida dell'arresto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento