Collegamenti idrici “fai da te” tra acqua potabile e per irrigazione: multata una famiglia

A Castello di Godego il personale del Consorzio di Bonifica Piave ha subito contestato al proprietario di casa l’infrazione regolamentare riscontrata

Dopo un anno da un analogo evento verificatosi a Loria, giovedì si è accertato a Castello di Godego un ulteriore caso di collegamento, attuato dai privati, tra rete domestica dell’acqua potabile e rete di irrigazione del giardino allacciata agli impianti irrigui consorziali.  In questo modo, in un momento di pressione bassa dell’impianto acquedottistico (possibile specie nelle ore serali), si è verificata un’intrusione nella rete dell’acquedotto dell’acqua dell’impianto irriguo, dotato di pressione maggiore. Dai rubinetti di casa in quel momento è quindi uscita acqua proveniente dalla rete irrigua. "Ricordiamo ancora a tutti coloro che siano allacciati alle reti consorziali in pressione per prelevare acqua ad uso irrigazione di orti e giardini che, come ben riportato nei documenti autorizzativi rilasciati dal Consorzio, l’acqua distribuita a fini irrigui non è potabile" fa sapere il Consorzio di Bonifica Piave.

"Sono pertanto severamente vietati, oltre che inutili e pericolosi per la salute pubblica, collegamenti tra impianto domestico potabile ed impianto irriguo. Si ricorda che per prelevare acqua dalle reti consorziali è necessaria l'autorizzazione del Consorzio". Il personale consorziale di guardiania ha in ogni caso provveduto a contestare l’infrazione regolamentare riscontrata al proprietario dell’abitazione all’interno della quale è stato riscontrato il collegamento, applicando le penali previste dal Regolamento consorziale per l’utilizzo dell’acqua irrigua. "Si invita nuovamente, come più volte fatto anche nel passato, tutti coloro che presso le proprie abitazioni sono allacciati all’impianto pluvirriguo consorziale ad accertare al più presto l’esistenza di eventuali collegamenti tra rete irrigua e rete potabile di casa ed a provvedere alla loro immediata e definitiva separazione. L’ingestione di acqua destinata a fini irrigui può essere pericolosa per la salute ed il collegamento può provocare intrusioni anche in altre abitazioni adiacenti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Saluta il figlio, poi il tragico malore in casa: muore a 46 anni

  • Accende la stufa a pellet con l'alcool, 31enne gravemente ustionata

  • Male incurabile: addio a Sonia Scattolin, segretaria della Regione

  • Malore improvviso in casa porta via alla vita Irene, 46enne madre di famiglia

  • Blitz antidroga della polizia locale sui bus degli studenti del "Turazza"

  • Movida trevigiana sotto controllo: stangato un locale etnico con all'interno 25 pregiudicati

Torna su
TrevisoToday è in caricamento