menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sabato 30 novembre 17^ Giornata Nazionale della Colletta Alimentare

Ogni anno, l’ultimo sabato di novembre centinaia di volontari si mobilitano davanti ai supermercati in tutta Italia per raccogliere generi alimentari

Ogni anno, l’ultimo sabato di novembre centinaia di volontari si mobilitano davanti ai supermercati in tutta Italia per raccogliere generi alimentari. Molte realtà del volontariato, parrocchie, gruppi, associazioni e movimenti ecclesiali, alpini, operatori della protezione civile ed anche singole persone offrono per un intero giorno il loro tempo a favore di questa iniziativa. Anche nel nostro territorio, di anno in anno, l'iniziativa della colletta è cresciuta. Soltanto nella provincia di Treviso il prossimo 30 novembre i volontari della colletta opereranno davanti a 155 supermercati. Saranno 10 in più della giornata della Colletta del 2012, nella quale furono raccolti nella Marca 150 tonnellate di derrate alimentari, distribuiti poi in oltre 70 enti del territorio. “E’ commovente vedere quanta gente si mobiliti per la Giornata della Colletta – dichiara  Giampiero Pegoraro, responsabile della Giornata della Colletta nella Provincia di Treviso – Quest’anno abbiamo ancor più bisogno perchè sono contemporaneamente diminuiti gli aiuti comunitari ed è  aumentato il numero di persone povere”.

Sabato 30 novembre sarà la diciassettesima edizione: in Italia più di 135.000 volontari della Fondazione Banco Alimentare Onlus, in oltre 9.000 supermercati, inviteranno a donare alimenti a lunga conservazione che verranno distribuiti a più di 8.800 strutture caritative (mense per i poveri, comunità per minori, banchi di solidarietà, centri d’accoglienza, ecc.) che aiutano 1.800.000 persone povere. In Italia sono ormai 4.068.000 le persone che soffrono di povertà alimentare, (+47% dal 2010), di queste il 10%, 428.587 sono bambini che hanno meno di 5 anni. La Giornata Nazionale della Colletta Alimentare è uno degli appuntamenti della campagna “Emergenza Alimentare Italia”, iniziativa di sensibilizzazione e raccolta fondi promossa dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus.

Dal 18 novembre al 2 dicembre 2013 sarà possibile sostenere l’attività dei 21 magazzini della Rete Banco Alimentare in Italia anche inviando un sms da 1 euro al numero 45599 da cellulari TIM, Vodafone, Wind, 3, Postemobile, CoopVoce, Tiscali e Nòverca; oppure sarà possibile donare 2 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT e 2/5 euro chiamando da un numero di rete fissa Telecom Italia e Fastweb.

Le donazioni di alimenti ricevute durante la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare andranno a integrare quanto la Rete Banco Alimentare recupera grazie alla sua attività quotidiana, combattendo lo spreco di cibo (nel 2012 61.552.000 kg di alimenti, pari a un valore di circa 180 milioni di euro ovvero al carico di oltre 2.200 tir). Le donazioni economiche ricevute con gli sms ci permetteranno di far arrivare questi alimenti sulla tavola di chi ne ha bisogno. Le ragioni di questo gesto sono descritte nel testo delle “dieci righe”, che anche quest'anno propongono un giudizio sul perchè della Colletta. Sono tratte dal discorso di Papa Francesco all’Udienza Generale del 5 giugno 2013 e pensate per favorire un dialogo con tutti coloro che a vario titolo partecipano alla Giornata Nazionale della Colletta Alimentare: «La vita umana, la persona non sono più sentite come valore primario da rispettare e tutelare, specie se è povera […]. Il consumismo ci ha indotti ad abituarci al superfluo e allo spreco quotidiano di cibo, al quale talvolta non siamo più in grado di dare il giusto valore, che va ben al di là dei meri parametri economici. […] Invito tutti a riflettere sul problema della perdita e dello spreco del cibo per individuare vie e modi che, affrontando seriamente tale problematica, siano veicolo di solidarietà e di condivisione con i più bisognosi. […] quando il cibo viene condiviso in modo equo, con solidarietà, nessuno è privo del necessario, ogni comunità può andare incontro ai bisogni dei più poveri».

Tutto il materiale raccolto in provincia di Treviso sarà depositato presso il magazzino del Banco Alimentare di Udine. In provincia gli enti che il Banco aiuta (tenendo presente sia la sede del magazzino di Udine che quella di Verona) sono una settantina.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento