Teneva un coltellaccio nell'abitacolo del camion: quarantenne fermato dai carabinieri

Il camionista, di origini romene, è stato fermato dai carabinieri nel comune di Carbonera durante un operazione di controllo stradale. Poche ore dopo è stato fermato anche un dominicano

CARBONERA Un coltello in stile persiano, a lama ricurva, della lunghezza di circa 25 centimetri, è stato ritrovato nelle scorse ore a bordo di un camion guidato da un quarantunenne di origini romene, fermato dai carabinieri di Treviso all'altezza del comune di Carbonera.

L'uomo, al momento del controllo da parte delle forze dell'ordine, ha provato a giustificarsi dicendo che l'arma da taglio serviva solo a sbucciare della frutta ma essendo lui un appassionato di armi storiche aveva deciso di utilizzare un coltello diverso da quelli tradizionali. Una scusa a cui i carabinieri di Treviso non hanno minimamente creduto e così per l'uomo è scattata una denuncia immediata per porto abusivo di armi. Il fermo rientra all'interno di una lunga serie di operazioni condotte in queste ore dagli uomini delle forze dell'ordine sulle strade della nostra provincia, particolarmente trafficate visto il periodo di esodo estivo. Poche ore più tardi infatti, un caso simile a quello del camionista si è verificato a non molti chilometri di distanza. Durante un controllo di routine i carabinieri hanno fermato anche un cittadino di origini dominicane dal momento che all'interno della sua auto era stata trovata una mazza da baseball la cui presenza era stata giustificata in modo vago e sospettoso dal guidatore. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Fossalunga, imprenditore e padre di due figlie trovato morto

  • Tumore incurabile, il sorriso di Giorgio De Longhi si è spento a 57 anni

  • Acqua micellare: le verità nascoste

  • Schianto contro un'auto mentre torna da lavoro, muore operaio 49enne

  • Travolto e ucciso da un treno, la morte di Marco Cestaro fu un suicidio

  • Diabete e festività: come scegliere i cibi senza rinunce

Torna su
TrevisoToday è in caricamento