Commercianti protestano in piazza a Cornuda: i carabinieri fanno sgombrare tutti

"Fare per Cornuda": «I militari hanno identificato i presenti e zittito il sindaco, ma questo modo di operare di certo non aiuta a costruire un rapporto di fiducia tra cittadini e Istituzioni»

Un momento della manifestazione

«Nel rispetto delle norme, ma soprattutto dei diritti fondamentali garantiti dalla Costituzione, domenica mattina il sindaco Claudio Sartor e l'Amministrazione comunale hanno ricevuto, davanti alla sede municipale, i commercianti del paese che chiedevano di essere ascoltati. I carabinieri di Crocetta del Montello sono però intervenuti per identificare i presenti e per zittire il sindaco». A raccontare l'episodio, sui social, è "Fare per Cornuda". Una situazione sicuramente inaspettata quella che si è venuta a creare in piazza, con molteplici cittadini che hanno persino iniziato ad applaudire ironicamente i militari rei di aver fermato in maniera brusca una manifestazione pacifica, come tante altre in queste ore in tutta la Marca trevigiana. «Questo modo di operare di certo non aiuta a costruire un rapporto di fiducia tra cittadini e Istituzioni. Noi continueremo a dare voce e sostegno ai cittadini e alle attività, portando avanti le vostre istanze e ricevendo chiunque busserà alla porta del Municipio. Noi ci siamo. Fare per Cornuda c'è».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Neve e vento forte, scatta l'allerta meteo in Veneto

  • Natale e Capodanno: trovato il modo per festeggiare

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Una settimana di agonia dopo il malore, morto Remo Sernagiotto

  • Festa in casa con 42 persone, vicini chiamano i carabinieri

  • Festa nel locale con 120 persone: blitz di polizia, polizia locale e carabinieri

Torna su
TrevisoToday è in caricamento