menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bracconaggio di uccelli, due denunciati dalla polizia provinciale di Treviso

Nei guai un 67enne ed un 69enne: avevano catturato delle passere scopaiole, pettirossi, due tordi sasselli, due merli, un fringuello e quattro peppole

CONEGLIANO Nella giornata di ieri, due sono stati gli interventi, in Comune di Conegliano e Colle Umberto, che hanno impedito lo svolgimento di attività di bracconaggio rivolta alla cattura di specie di uccelli di cui è vietata anche l'attività venatoria. Infatti alle ore 7 circa, il Sig. C.A. di anni 67 giungeva sul posto per controllare e sistemare le reti sviluppate per circa 40 metri, oltre a mettere nei pressi delle stesse alcune gabbie contenenti uccelli con funzione di richiamo tra i quali specie vietate alla caccia.

Gli agenti della Polizia Provinciale intervenuti hanno bloccato immediatamente l’illecita azione ed hanno proceduto alla liberazione di una passera scopaiola ed un pettirosso, uccelli questi protetti di cui è vietata anche la caccia. Una volta rimosso l'impianto di cattura abusivo, gli agenti hanno udito provenire dalla vicina abitazione del bracconiere un canto di uccelli; proceduto alla verifica hanno trovato gabbie contenenti esemplari detenuti illegalmente ossia due lucherini e tre passere scopaiole.

Alle ore 10, il Sig. V.D. di anni 69 stava esercitando l'uccellagione con 10 reti mist-net, sviluppo lineare di circa 75 metri, tese ed in funzione in un vigneto adiacente alla propria abitazione. Il bracconiere è stato sorpreso presso le reti di cattura dove aveva posto anche alcune gabbie contenenti, a scopo di richiamo, due tordi sasselli, una passera scopaiola, due merli, un fringuello e quattro peppole, con la presenza quindi anche di soggetti vietati alla caccia.

Di quanto detenuto illegalmente si è proceduto in entrambi i casi al sequestro e alla successiva segnalazione alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Treviso che provvederà ad emettere le relative sanzioni penali. A mero titolo informativo, è il caso di ricordare che la legge prevede, per chi esercita l'uccellagione le seguenti sanzioni penali: l'arresto fino ad un anno o un'ammenda che varia da 750 a 2000 euro circa; per la detenzione abusiva di uccelli nei confronti dei quali è vietata la caccia, un'ammenda fino a 1500 euro. Inoltre i malcapitati bracconieri sono soggetti a ulteriori sanzioni amministrative che possono arrivare fino a 1800 euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Alimentazione

Il peso cambia da un giorno all'altro, perchè?

Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento