menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Comparto 5 (foto di Cristian Guizzo)

Il Comparto 5 (foto di Cristian Guizzo)

Il parcheggio Comparto 5 a Montebelluna verrà riaperto

A breve la firma della convenzione che consegnerà alla città un parcheggio (di circa 150 posti) sicuro e videosorvegliato

MONTEBELLUNA Entro la fine del mese è previsto l'appuntamento da notaio per il passaggio al Comune del parcheggio Comparto 5 di Montebelluna. Il park è infatti da qualche mese chiuso per ragioni di sicurezza. 

Fa il punto, sulla questione il sindaco di Montebelluna, Marzio Favero: “Il parcheggio del Comparto 5 non è mai stato oggetto di convenzione firmata tra il Comune ed il privato. Infatti si trattava di una situazione anomala e 'borderline': pur di aprire il condominio con agibilità parziale, lo stesso condominio si era impegnato di tenere aperto un parcheggio di fatto in uno spazio privato. Questo significa che il parcheggio non è mai stato ad uso pubblico, ma semplicemente aperto al pubblico.Personalmente sono contrario alle agibilità parziali perché creano situazioni di provvisorietà che poi tendono a durare negli anni. Nel nostro caso siamo di fronte ad una provvisorietà che è diventata un limbo perché, se in apparenza poteva sembrare una soluzione vantaggiosa, dato che i costi di manutenzione ed illuminazione erano a carico del privato, di fatto la conduzione del parcheggio non è mai stata buona ed il Comune ha dovuto più volte prendere parola per garantirne il decoro. Ma c'è di peggio. Il privato di sicuro non può farsi carico della sicurezza pubblica. Peccato però che il parcheggio, essendo interrato, ponga problemi di sorvegliabilità e di sicurezza. Temi che sono di pertinenza del pubblico, cioè della polizia locale e dei carabinieri i quali, però, in area privata non sono autorizzati ad entrare automaticamente.

Il sindaco poi rincara: "Negli ultimi mesi, inoltre, il parcheggio nelle ore serali era diventato un ospizio per qualche persona senza fissa dimora: una situazione inaccettabile! Si aggiunga a tutto ciò che 25 dei circa 150 parcheggi erano ad uso privato e su altri 50 gravava il diritto di prelazione dei residenti del condominio. In questi mesi il parcheggio è stato chiuso per ragioni di pubblica sicurezza perché in mancanza di controlli si sono registrati ripetuti atti vandalici che hanno danneggiato la protezione anti-incendio con lo svuotamento degli estintori. Le trattative con i privati hanno portato ad una revisione radicale dell'accordo che punta alla netta separazione nella gestione tra parcheggio pubblico e privato. Tutti i parcheggi saranno infatti consegnati al Comune per l'uso pubblico, compresi i 25 ad uso privato ed i 50 oggetto di possibile prelazione da parte dei residenti. I privati si sono impegnati a separare gli impianti e a munire il parcheggio, in accordo con la Polizia locale, di un impianto di video-sorveglianza con punti negli accessi e all'interno. Sono in fase di ultimazione gli allestimenti del sistema di video-sorveglianza che sarà collegato alla rete della polizia locale e, se necessario, reso disponibile ai carabinieri. Entro fine mese si passerà alla firma della nuova convenzione presso il notaio che consegnerà definitivamente alla città il parcheggio ad uso pubblico. Il Comune sta in questo periodo valutando gli aspetti gestionali. Per i primi mesi di riapertura, comunque, il parcheggio rimarrà gratuito”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cura della persona

Il taglio capelli dell'estate 2021? È il little bob

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento