Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Si fingevano postini per rubare nelle case degli anziani: padre e figlio in tribunale

Due giostrai opitergini hanno patteggiato in Tribunale una condanna dopo aver risarcito in denaro le loro vittime. A loro carico 17 truffe per un totale di 12mila euro

ODERZO Si è conclusa con un patteggiamento a 2 anni con il beneficio della condizionale e 2300 euro di multa per il figlio e  3 anni e 2 mesi, oltre a 1500 euro di multa, per il padre che si è addossato tutta la colpa, la vicenda dei due finti postini che tra il 2015 e il luglio 2016 hanno messo a segno almeno 17 furti in case di anziani tra il trevigiano, il bellunese, il veneziano e il pordenonese.

Il duo infatti, presentandosi di casa in casa come operatori di Poste Italiane, chiedeva a chi trovava in casa (generalmente donne ultraottantenni sole) di mostrare loro il denaro magari appena ricevuto in posta per la pensione, per controllarne l'autenticità. Come però riporta "il Gazzettino", i due malviventi non erano in realtà postini, ma giostrai residenti a Oderzo. Quindi, nel momento in cui ricevevano i soldi, con la scusa di avere in auto i macchinari per le operazioni richieste, si allontanavano e poi si dileguavano in pochi minuti. Moltissimi i colpi messi a segno con questo modus operandi, per un bottino che è stato stimato in almeno 12mila euro

A porre fine a questa girandoli infinita di truffe erano stati però i carabinieri di Cortina coordinati nelle indagini dal Pm Marco Faion. I due erano stati infatti fermati, con il padre che per primo finì in carcere e poi ai domiciliari, mentre per il figlio fu subito disposto l'obbligo di dimora nel comune di Roncade. Difesi successivamente dagli avvocati Pasqualin e Crea di Treviso, i due (il 21enne S.R. e il 52enne E.R.) hanno infine chiuso la vicenda davanti al giudice dopo aver inviato il denaro per il risarcimento alle loro vittime.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si fingevano postini per rubare nelle case degli anziani: padre e figlio in tribunale

TrevisoToday è in caricamento