rotate-mobile
Cronaca Conegliano

Aggressioni e rapine fuori dalla Capannina a Jesolo, 22enne arrestato

Due episodi avvenuti il 2 luglio 2022 e su cui avevano svolto indagini la squadra mobile ed il Commissariato di Conegliano. Il giovane, da tempo irreperibile, è stato localizzato in un albergo e si trova ora in carcere a Santa Bona

Nella notte del 2 luglio dello scorso anno si è reso protagonista, con tre complici, di almeno due brutali aggressioni a Jesolo. Vittime alcuni ragazzi che si trovavano in vacanza e sono stati seguiti, presi di mira all’uscita della "Capannina", accerchiati, aggrediti e derubati di portafogli, cellulari di ultima generazione e poche centinaia di euro. I malcapitati, di circa 20 anni, sono stati scaraventati a terra dal branco e colpiti con estrema violenza, con calci anche in testa, sono stati poi immobilizzati per frugare nelle loro tasche e hanno dovuto ricorrere alle cure mediche in pronto soccorso a causa delle lesioni riportate.

Nei giorni scorsi i poliziotti del Commissariato di Conegliano con l’ausilio di agenti della squadra mobile di Venezia hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa nell'agosto dello scorso anno dall’Autorità giudiziaria lagunare, nei confronti di uno dei banditi. Si tratta di un cittadino albanese di 22 anni. Le indagini, dirette dalla Procura di Venezia, hanno portato a racccogliere gravi indizi di colpevolezza nei confronti del balcanico che ha collezionato in passato vari precedenti per reati contro il patrimonio, per rapina in concorso.

Il giovane straniero, residente a Mogliano Veneto ma di fatto irrintracciabile e senza fissa dimora, è stato scovato in una struttura ricettizia di Parè a Conegliano e accompagnato presso il carcere trevigiano di Santa Bona, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressioni e rapine fuori dalla Capannina a Jesolo, 22enne arrestato

TrevisoToday è in caricamento